Zoe e Bios

Nel mito neopagano, la Dea e il Dio rappresentano due dimensioni della vita.
La Dea rappresenta il tutto, mentre il Dio, suo figlio, rappresenta la parte.
La Dea, è il ciclo eterno del tutto, l’unità della vita e della morte in un singolo processo.
Il Dio è la vita manifesta, soggetta al processo ciclico di nascita, fioritura, decadenza, morte e rinascita.
La Dea è il fondamento dell’essere; il Dio è ‘Quello che è portato avanti’, la sua immagine speculare, il suo altro polo.
Lei è la terra; Lui è il grano.
Lei è il cielo onnicomprensivo; Lui è il sole, la sua palla di fuoco.
Lei è la ruota; Lui è il viaggiatore.
È il sacrificio della vita alla morte che la vita può continuare. Lei è la madre e il distruttore; e tutto ciò che nasce e viene distrutto.
Secondo Karl Kerenyi, in greco antico, le parole Zoe e Bios significavano entrambi “vita”, ma due diverse dimensioni della vita.
Zoe significava vita infinita e universale, mentre il Bios si riferiva alla vita finita e individuale.
Zoe era la Vita stessa, mentre il Bios era la manifestazione vivente e morente di Zoe nel tempo e nello spazio.
Il Bios è la forma immanente di una Zoe trascendente . Insieme, queste due parole esprimono le due dimensioni dell’esistenza: l’eterno e il transitorio, il non manifesto e il manifesto, l’universale e il particolare.
In termini neopagani, la Dea è Zoe e il dio è Bios
La luna può essere pensata come un simbolo di questa relazione.
La luna cambia sempre eppure è sempre stata ed è la stessa.
La luna visibile e manifesta cambia sempre è una costante interazione di luci e ombre.
Ciò che rimane lo stesso è il ciclo duraturo, la cui totalità non manifesta non può mai essere vista in un singolo momento.
Il ciclo non cambia; esso è il cambiamento .
La stessa analogia potrebbe essere attinta a qualsiasi ciclo naturale, come le stagioni o il ciclo di vita della vita vegetale e animale.
La Dea Neo-Pagana è chiamata Madre, perché è la Fonte eterna, il principio continuo della Vita che dà vita alla sua miriade di forme.
La Dea non muore; lei è la morte … e la vita.
La Dea dà alla luce il Dio, che manifesta la vita, e poi lo riceve di nuovo nella tomba che è il suo grembo.
Il Dio nasce vita, muore e rinasce .
Deve accettare la morte, ricadere nella Sorgente, come un seme che ritorna sulla terra, mentre la Dea persiste e produce nuove forme di vita dal ‘magazzino’ inesauribile che è il suo Essere.
Bios nasce da Zoe , muore di nuovo in Zoe e rinasce da Zoe.
In questa visione, la morte non è un fine, ma una trasformazione.
Quello che, a livello di Bios , appare come smembramento e disintegrazione, viene rivelato, a livello di Zoe , come una rinascita.
Nel mito neopagano, il matrimonio sacro ( hieros gamos ) della Dea e del Dio collega simbolicamente Zoe e Bios , riunendo l’eternità e il tempo, l’infinito e l’individuo.
E attraverso il rituale neopagano arriviamo a partecipare a questa unione, effettuando un cambiamento di coscienza verso le nostre morti individuali. La Morte è intesa essere non meno sacra della vita.
Piuttosto che una fine, la morte diventa trasformazione e metamorfosi.
La prospettiva ego-centrica viene trascesa attraverso l’identificazione con il ciclo eterno di nascita, vita e morte.
L’individuo può quindi guardare avanti alla morte che da qualche parte li attende sapendo che nessuno e nessuna cosa muore invano.
Nessuna virtù o energia è persa.
C’è solo cambiamento e trasformazione.
Il tempo e la morte sono tragici solo dalla prospettiva limitata dell’ego, che deve essere sacrificato per trovarne un significato.
Non solo facciamo i conti con il nostro annientamento, ma sviluppiamo la volontà di evocarlo quando è il momento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code