L’aromaterapia

In alcuni dei mie articoli avrò menzionato sicuramente l’aromaterapia, la quale nella pratica della magia esoterica è utilizzata per favorire la concentrazione verso obiettivi ed energie.
L’aromaterapia è l’uso di oli essenziali (materiali vegetali estratti naturalmente) per bilanciare, armonizzare e promuovere la salute e la guarigione del corpo e della mente.
Questa parte della medicina olistica su basa sul concetto che gli oli essenziali sono altamente concentrati e forniscono un aroma più forte in una goccia rispetto a quello che potremmo percepire in un mazzo di fiori; questi aromi, una volta inalati, attivano i recettori dell’olfatto nel naso, che inviano benefici messaggi al cervello.
Le stimolazioni olfattive, infatti, passano direttamente nella corteccia cerebrale, senza essere filtrate dal centro recettore del talamo.
Le molecole aromatiche diffuse nell’aria raggiungono la parte superiore delle cavità nasali. Le cellule olfattive, una volta sollecitate dalle molecole aromatiche, trasformano lo stimolo chimico in impulsi elettrici che a loro volta stimolano i centri deputati all’odorato.
L’aromaterapia è quindi una pratica olistica che agisce su processi fisici, mentali e spirituali attraverso l’uso di essenze non oleose, concentrate in alcune zone delle piante officinali: fiori, resina, corteccia, radici, buccia, foglie e frutti.
Questi olii sono frazioni volatili ottenute dalle piante tramite distillazione in corrente di vapore.
Il trattamento del corpo mediante oli aromatici risale almeno al 2000 a.C.
Nella Bibbia, è citato l’uso di piante medicinali e di essenze, sia a scopi religiosi che per la cura di malattie.
Nel Medioevo, i profumieri si distinsero grazie alle proprietà antisettiche di tutti gli oli essenziali. Durante il XIX secolo, i chimici intrapresero la produzione artificiale di oli essenziali, utili come profumi.
I risultati terapeutici conseguiti grazie agli oli essenziali dissiparono l’interesse per i trattamenti naturali fino al XX secolo, periodo in cui si rinnovò l’interesse per la natura e le sue e potenzialità intrinseche.
Tra le cosiddette terapie complementari, l’aromaterapia è una delle più conosciute e in ascesa in tutto il mondo. Il suo valore terapeutico è sempre più apprezzato da ricercatori e medici.
In breve con l’aromaterapia possiamo:

  • Alleviare lo stress: questo è uno degli usi più popolari e comprovati dell’aromaterapia. Olio di limone, bergamotto, menta piperita, vetiver e ylang-ylang funzionano tutti bene.
  • Combattere la depressione: in combinazione con la terapia e/o la medicina tradizionale, la camomilla, la lavanda o il gelsomino possono aiutare a migliorare il tuo umore. (Questi oli possono anche aiutare a regolare il sonno.)
  • Migliorare la memoria: gli studi dimostrano che l’olio di salvia può aiutare ad aumentare la capacità di memoria.
  • Aumentare le energie mentali e fisiche: cannella, salvia, chiodi di garofano, angelica o pepe nero sono noti per aumentare la circolazione, stimolare il corpo e la mente e aumentare i livelli di energia.
  • Guarire più rapidamente: gli oli di calendula, rosa canina, elicriso e olivello spinoso possono aumentare l’ossigeno e il flusso sanguigno e quindi aumentare il tasso di guarigione per molte condizioni. Possono anche proteggere le ferite dai batteri.
  • Curare tosse, mal di gola, raffreddore, infiammazioni a carico dei bronchi come l’asma con l’olio essenziale di timo.
  • Alleviare molto efficacemente il mal di testa: menta piperita, eucalipto, legno di sandalo e rosmarino possono aiutare a curare il mal di testa.

Per ‘esercitare’ in pratica l’aromaterapia si possono usare diffusori appositi per disperdere gli oli essenziali in una stanza (ne trovate in commercio diversi modelli, anche dotati di luci e colori molto scenografici), aggiungere alcune gocce a un bagno o mettere alcune gocce su un batuffolo di cotone all’interno di un sacchetto di plastica e portarlo in viaggio (solo per fare, qualche esempio).
Dovete assolutamente assicurarvi di selezionare solo oli essenziali puri o biologici, non sintetici, per evitare contaminanti e ricevere tutti i loro benefici terapeutici.
Ricordatevi di usare gli oli essenziali con cautela; non vanno applicati direttamente sulla pelle soprattutto in caso di gravidanza o allattamento.
Rimangono, come raccomandazione, solo alcune cautele da tenere conto con attenzione.
Gli oli essenziali, essendo sostanze molto forti e potenti, possono condurre a reazioni allergiche, danni al sistema renale, effetti allucinatori, convulsioni, irritazioni, rossore, prurito, fino addirittura allo shock; assicuratevi, quindi, prima di non essere intolleranti a queste sostanze.
I bambini possono essere più sensibili agli oli essenziali rispetto agli adulti, quindi usateli con attenzione e parsimonia in loro presenza.

Follow me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Articolo precedente

Arriva il sole!!!

Articolo successivo

Notizie dal ‘Patreon’