Lo specchio Bagua

Nell’antica arte del Feng Shui gli specchi ricoprono funzioni essenziali e sono considerati a tutti gli effetti oggetti aventi energia attiva (YANG).
Lo specchio Bagua ( Ba significa otto, gua significa numero) è uno specchio rotondo o ottagonale, le cui sono in genere tra i 10 e i 15 cm di diametro ed è circondato da un ottagono che contiene gli 8 trigrammi (un trigramma è una combinazione di tre linee, alcuni solidi e alcuni spaccati, usati nell’I-Ching) organizzati nell’Antica Sequenza Celeste.
Il concetto su cui si basa è che la disposizione dei trigrammi e la forma ottagonale rifletta / disperda le energie negative nelle otto direzioni: sud, nord, est, ovest, nord-est, nord-ovest, sud-est e sud-ovest.
Non si tratta di un oggetto d’arredo e non va utilizzato come tale. Il suo fascino e l’armonia delle sue forme inducono spesso a collocarlo all’interno delle abitazioni: tradizionalmente quest’uso è inappropriato (ed anzi è proprio caldamente sconsigliato), essendo preferibile un uso all’esterno delle abitazioni.
Lo specchio Bagua va collocato al di sopra della porta d’ingresso o di una grande finestra esposta alle energie esterne, positive oppure negative.
Usato come rimedio, essendo molto potente ed attivo energeticamente, è buona regola accertarsi dell’effettiva presenza di una fonte di energia negativa, per evitare di abusare delle sue potenzialità.
Gli specchi Bagua possono essere concavi (con la superficie curvata all’interno) o convessi (con la superficie sporgente verso l’esterno) a seconda dei diversi modi di manipolare le energie negative esterne.
Lo Specchio Bagua concavo si utilizza quando l’energia negativa proviene dall’esterno della casa e deve essere neutralizzata attraverso il suo assorbimento.
Lo Specchio Bagua convesso si utilizza invece quando si vuole riflettere l’energia negativa che punta alla propria casa, respingendola verso l’esterno, deviandone l’influenza.
Solitamente questo specchio non è molto utilizzato nel Fengh Shui perché non elimina del tutto le energie negative, ma le diffonde soltanto altrove.
Tuttavia questo è ritenuto più potente, perché può riflettere di più, data la sua forma sporgente come un occhio: vengono ritenuti infatti “specchi difensivi”.
C’è da dire che l’utilizzo di questi specchi non viene fatto ‘a cuor leggero’ nella tradizione del Feng Shui perché gli specchi duplicano sempre le cose che riflettono.
Ciò significa che se non si fa attenzione nel posizionarlo esiste il potenziale rischio di causare danni a un altro con conseguenze nefaste per il proprio Karma.
Anche collocare uno specchio concavo posto per “riflettere indietro” l’energia negativa comporta rischi se non si applicano tutte le accortezze del caso.
Esso può influire negativamente mentre ci si avvicina alla propria porta (ad esempio).
Quando si posiziona (o si crea) uno specchio bagua si può recitare una piccola preghiera, come quella che trovate al termine di questo paragrafo, per ‘caricare’ il nostro oggetto di uno scopo solamente positivo.

Io sono come un Sole, la Luce di Dio si irradia verso l’esterno dal Nucleo del mio Essere verso l’esterno in tutte le direzioni, abbracciando tutti e tutto ciò che amo.
Invio solo amore e attraggo solo cose buone.
Le frequenze inferiori all’amore vengono consumate da questo fuoco d’amore, riciclato e trasmutato per il più alto bene, molto prima che mi raggiungano.
Io sono l’amore.
Sono tranquillo.
Io sono al sicuro.

Se uno specchio bagua viene danneggiato esso va sostituito immediatamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code