Corso di cartomanzia. – Parte Terza –

In questo appuntamento con la cartomanzia vediamo come purificare il nostro mazzo di carte che utilizziamo per le nostre opere di divinazione.
Nello scorso appuntamento abbiamo visto l’importanza del mescolare le carte e vi avevo accennato dell’importanza della ‘pulizia’ di esse.
Vorrei sottolineare nuovamente come la pratica della divinazione sia a tutti gli effetti un’opera di magia esoterica e quindi come tale ve la propongo.
Le proprie carte sono uno strumento caro e ‘sacro’ come può essere un Athame per un praticante della Wicca, ad esempio.
In linea di massima vi renderete conto da soli quando dovete purificare le vostre carte dei Tarocchi.
Avrete una sensazione assillante che qualcosa non va bene nel ‘rapporto’ con le vostre carte e che qualche cosa deve essere cambiato.
Se volete affrontare la magia esoterica (lo dico spesso anche nei miei libri) dovete imparare a sentire e a fidarvi delle vostre sensazioni.
Vi propongo alcuni esempi di diverse situazioni in cui è necessario provvedere alla manutenzione energetica e spirituale delle vostre carte.

  • Altre persone hanno toccato le tue carte
  • Avete acquistato un mazzo di carte nuovo o usato
  • Avete fatto una lettura particolarmente impegnativa e dispendiosa in termini di energie psichiche / spirituali.
  • Le vostre carte sono rimaste inattive o inutilizzate da un bel po’ di tempo
  • Siete stati esposti a molta energia negativa (ad esempio avete fatto una lettura per una persona particolarmente negativa o state attraversando una situazione difficile nella vostra vita personale)
  • Le vostre letture stanno iniziando a sembrare poco chiare, disconnesse o “bloccate”.
  • Le vostre carte sono cadute sul pavimento o hanno avuto un altro tipo di ‘incidente’
  • Sentite semplicemente la voglia di ‘riconnettervi’ e ritrovare sintonia con le vostre carte

Vi descrivo in questo articolo alcuni metodi ‘soft’ per ‘pulire’ le vostre carte senza andare a disturbare complicati riti di purificazione che personalmente ritengo non necessari.
La prima cosa che dovete tenere presente è che le carte devono sentire la vostra energia.
Se voi siete positivi anche le vostre carte otterranno la vostra stessa carica, quindi quando vi accingete alla loro consultazione è molto importante che siate tranquilli e rilassati.
Successivamente tenete presente i semplici punti che vi elenco qui sotto e state sicuri che il vostro mazzo di carte recupererà il suo equilibrio energetico e di conseguenza la piena funzionalità.

  • Prima di tutto, ordinate le vostre carte iniziando prima con gli Arcani Maggiori e poi procedendo con ciascuno dei semi degli Arcani Minori.
    Mentre lo fate osserva brevemente ogni carta e ricordatene o ripassatene il significato.
    Potete anche sfruttare questo momenti per verificare (e questo è molto importante) di avere tutte le carte nel vostro mazzo.
    Una volta che le vostre carte sono state ordinate, iniziate a mischiarle e a rinvigorirle con la vostra energia.
    Mescolatele magari per sette volte (o multipli), scompigliatele, pescate casualmente le carte…in poche parole manipolatele!!
  • Usate delle tecniche di meditazione.
    Tenete le vostre carte con entrambe le mani, chiudete gli occhi e rilassatevi.
    Liberate la vostra mente da ogni pensiero e sentitevi un tutt’uno con le vostre carte e cercate di infondergli la vostra energia.
  • Bagno di luna.
    La luna piena è un’ottima fonte di energia per le vostre carte.
    Nel periodo di luna piena posizionate le vostre carte nei pressi di una finestra dalla quale si possa scorgerne chiaramente la luce.
    Se ne avete la possibilità la cosa migliore sarebbe quella di posizionarle all’esterno.
  • Sepoltura del sale.
    Il sale può essere usato con molta efficacia per estrarre l’ energia negativa dalle carte.
    Innanzitutto, avvolgete i vostri Tarocchi in un sacchetto di plastica e chiudetelo per bene annodandone il sacchetto il più stretto possibile.
    Quindi prendete un contenitore ermetico più grande del vostro mazzo.
    Posizionate le vostre carte al suo interno e riempitelo di sale per bene sopra-sotto, su tutti i lati.
    È indispensabile che si tratti di un contenitore ermetico poiché il sale non solo assorbe le energie negative dal mazzo di Tarocchi, ma raccoglie anche l’umidità che potrebbe essere nell’aria e questo potrebbe danneggiare le vostre carte.
    Tenete le vostre carte sepolte nel sale per alcuni giorni (anche una settimana, se potete) prima di toglierle e smaltire il sale in acqua corrente.
  • Aria fresca.
    Posizionate le vostre carte all’esterno in modo che stiano all’aria fresca (i periodi migliori sono quelli dopo un temporale o una forte pioggia) per favorirne il ricambio di energia.
    Non occorre che questa esposizione (ed è così anche per il bagno di luna) sia molto lunga….bastano anche 20 / 30 minuti.
  • Fumigazione.
    Bruciate un po’ di salvia essiccata o rosmarino su dei carboncini in un incensiere.
    Passate semplicemente le carte attraverso il fumo più volte.

Una volta che avete pulito / purificato le vostre carte è il caso di prendere alcuni accorgimenti per conservarle in modo adeguato.
Come vi ho già detto ponete il vostro mazzo di Tarocchi in un contenitore adeguato magari avvolti in un panno speciale (uno scampolo di velluto o di seta potrebbe essere l’ideale).
Assieme alle carte mettete nel contenitore anche un cristallo di quarzo (del colore che preferite), anche piccolo, il quale è uno splendido ed efficace elemento per tenere lontano energie negative e catalizzare, al contrario, le energie positive.
La prossima volta vi parlerò del primo (o dell’ultimo..) arcano maggiore: il matto.
Dovevo già inserirlo in questo articolo ma alla fine ho ritenuto dedicare alla questione della pulizia / conservazione / purificazione delle carte un maggiore approfondimento che spero sia stato di vostro gradimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Previous article

Il nocciolo