Piccolo galateo per la raccolta delle erbe

Come ho scritto più volte la pratica della stregoneria implica anche avere una buona conoscenza delle erbe e dei loro utilizzo.
Esse sono elementi fondamentali nella magia esoterica sia tradizionale che moderna.
Contengono le energie degli elementi e degli spiriti della terra. In esse Flora a deposto scrigni di meravigliose potenzialità ed energie che vengono offerte gratuitamente a chi sa coglierle con coscienza e rispetto.
Da qui nasce l’idea di questo articolo in cui vi riporto una specie di galateo da seguire per la raccolta delle erbe che utilizziamo per le nostre pratiche assieme a delle norme di buon senso.

  • Ricordiamoci che le piante sono degli esseri viventi e quindi dobbiamo raccoglierle in un certo modo in modo da garantirne la sopravvivenza.
    Questo è particolarmente importante sopratutto quando di quella pianta ne cogliete le foglie. Dobbiamo ricordarci che le foglie sono il tramite con il quale le piante producono il loro cibo e quindi poniamo attenzione di lasciarne a sufficienza per consentire alla pianta di continuare a crescere fortemente.
  • Non raccogliete tutte le erbe che vi capitano a tiro. Una strega /stregone che utilizza i doni della natura ne lascia sempre anche per gli altri.
    Prendete, ad esempio poche foglie o pochi frutti da molte piante invece di spogliarne una completamente.
    Oltre che lasciarne per gli altri in questo modo, magari, potreste ottenere altri doni dalla stessa pianta.
  • Se vi capita di essere in una proprietà privata chiedete sempre il permesso anche se dovete raccogliere semplici erbe di campo. Può essere anche occasione per conoscere qualcuno o scambiare idee e informazioni. Una strega / stregone è anche un essere affabilmente sociale, ricordatevelo.
    Tagliate sempre gli steli in diagonale. Non tagliare mai uno stelo in modo che formi un’estremità circolare e smussata, perché ciò può consentire all’acqua piovana di accumularsi sulla superficie del taglio. Questa acqua piovana può intrappolare le spore fungine e causare alla pianta una grave infezione che può danneggiarla o addirittura ucciderla. Tagliate, invece, gli steli con un angolo di circa 45 °, in modo che l’acqua scorra via facilmente.
  • Quando raccogliete i fiori ricordate che potrebbero piacere anche ad altri. Non prendete mai tutti i fiori da nessuna pianta selvatica, sia perché impedisce a quella pianta di riprodursi come vuole naturalmente, sia perché ne togliete la bellezza e impedirete ad altri di goderne.
    Anche se possedete la pianta lasciate sempre almeno la metà dei fiori su di essa in modo che possa continuare a riprodursi come previsto dalla natura.
  • Non scegliete mai una pianta che non potete identificare con assoluta certezza. Questo è una raccomandazione data spesso per i funghi, perché alcuni di esso possono essere velenosi, ma questo è ancor più valido per le piante.
    Ad esempio la pianta medicinale conosciuta come potrebbe essere l’ achillea è quasi identica alla cicuta d’acqua macchiata, una specie di pianta il cui veleno può provocare la morte in 20 minuti.
    Gli esempi di questo tipo sono molteplici per cui ponete veramente attenzione.
  • Non raccogliete mai fiori dalle piante intorno agli alveari. Le api sono fondamentali essendo responsabili dell’impollinazione di decine di migliaia di specie di piante da fiore in tutto il mondo e in ogni continente.
    Quando vi imbattete in un alveare cercate di evitare di raccogliere fiori per uno spazio almeno di 500 metri attorno ad esso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Articolo precedente

Rituale per ottenere giustizia.

Articolo successivo

Ade