Il significato esoterico della Pasqua

In occasione della Pasqua voglio condividere con voi un corposo ma in interessantissimo articolo originariamente scritto da John Temple che ho tradotto personalmente dall’inglese (per cui mi scuso per eventuali imprecisioni) sul significato storico ed esoterico della Pasqua.
È un punto di vista diverso dal solito, argomentato molto bene e che, pur muovendosi sul filo dell’eresia, offre molti punti di riflessione.

_ _ _

In questa indagine vi propongo di esaminare le origini e il significato esoterico della Pasqua. In primo luogo, da una prospettiva storica e, in secondo luogo, in relazione alla morte e alla risurrezione di Gesù secondo i Vangeli.
Come nelle mi precedenti dissertazioni, vorrei rassicurare tutti i cristiani che potrebbero leggere questo articolo che non verranno sconvolti nel farlo. Al contrario, possono ottenere una visione più profonda della loro fede e dei suoi misteri. Offro la stessa garanzia agli occultisti, molti dei quali mi hanno detto negli anni che “non conoscono Gesù” perché sono stati rimandati dalle lezioni della scuola domenicale o dalla frequenza compulsiva alla Chiesa. Nel ignorando la Bibbia, entrambi i tipi di lettori stanno privando loro della possibilità di ampliare notevolmente la loro consapevolezza e aumentare la loro conoscenza. Infine, tenete presente che come spiego in questo articolo la storia della Pasqua è fatta principalmente di allegorie e simboli, non di fatti storici.
La Pasqua è una festa universale e molto antica.
Gli antichi celebravano l’equinozio di primavera (che cade tra il 19 e il 21 marzo di ogni anno nel nostro calendario) come rinnovamento della natura. Fu solo nel quarto secolo che la Chiesa impose la prima domenica successiva alla prima luna piena dopo l’equinozio di primavera come data della loro celebrazione della Pasqua .
Ciò fu fatto per scoraggiare le feste pagane che si svolgevano in questo periodo dell’anno, durante le quali venivano scambiate le uova colorate in commemorazione della dea scandinava Eostre , o Ostara, che è da dove otteniamo la nostra parola “Pasqua”.
Come molti di voi sapranno, la Pasqua non cade in una data fissa ogni anno, ma in una determinata dalla prima luna piena che si verifica durante o dopo l’equinozio di primavera. La Pasqua è quindi una festa lunare , e questo immediatamente la collega con l’uovo e la lepre (famose quelle di cioccolato ed i coniglietti che fanno tanto primavera), entrambi emblemi preminentemente lunari.
L’uovo era un emblema importante nell’iconografia sacra di molti popoli fin dai tempi più remoti che era venerato sia per la sua forma che per il suo mistero nascosto .
Il graduale sviluppo del germe impercettibile all’interno del guscio chiuso nella completa oscurità, senza alcuna apparente interferenza esteriore, che da un nulla latente produceva qualcosa di attivo , aiutato solo dal calore e che, essendosi gradualmente evoluto in una creatura concreta e vivente, ha rotto il suo guscio, per emergere come un essere apparentemente auto-generato, è stato giustamente considerato come un mistero profondo fin dall’inizio.
Gli antichi Greci, Indiani ed Egiziani adottarono tutti l’uovo come simbolo della prima manifestazione del cosmo.
Nell’antico mito egizio si dice che Geb, il dio della Terra, abbia deposto un uovo per generare l’universo.
In India, Brahma era raffigurato come il dio egizio Ra, che gesticolava nell’uovo dell’universo.
L’’uovo orfico è descritto da Aristofane nella sua tesi sui misteri greci, durante la quale l’uovo mondano è stato consacrato e il suo significato sacro spiegato agli iniziati.
E il “Coniglietto di Pasqua”? Sebbene di origine tedesca relativamente recente come candidato molto improbabile per il portatore di uova, l’associazione della lepre con la Pasqua risale a molto tempo fa.
Come abbiamo visto, il nome di Pasqua ci viene dalla Dea sassone Eostre , che era una forma della dea fenicia Astarte, lei stessa una copia dell’iside egiziana; queste erano tutte divinità associate alla luna.
L’ emblema preminente della luna tra molti popoli antichi era la lepre.
Ancora oggi alcune nazioni, come i cinesi, non riconoscono un “uomo” sulla faccia della luna, ma una lepre.
Le ragioni di ciò non sono lontane da cercare. La lepre è un animale notturno che si nutre di notte. Il suo periodo di gestazione è esattamente di un ciclo lunare e mezzo, o 42 giorni, e la sua fecondità prodigiosa è troppo nota per richiedere ulteriori commenti! Così la lepre si associò alla luna e alle sue fasi, e come “apertura” del nuovo anno a Pasqua, un simbolo di fertilità e resurrezione della vita dopo la “morte” dell’inverno.
La croce, come simbolo cristiano, dovrebbe risalire al tempo della crocifissione di Gesù. Tuttavia, quando osserviamo la storia dell’iconografia cristiana, scopriamo che la figura di un uomo sulla croce è completamente assente dall’arte cristiana fino al VII secolo! La prima forma conosciuta della figura umana sulla croce è il crocifisso presentato da Papa Gregorio alla regina Teodolinde di Lombardia, ora nella Cattedrale di Monza, in Italia, mentre nessuna immagine di Cristo crocifisso si trova nelle Catacombe di Roma prima del VII o VIII secolo.
L’idea originale della crocifissione appartiene agli antichi egizi e il suo simbolismo esoterico può essere facilmente visto nelle ferite presumibilmente inflitte a Gesù. Le quattro ferite o stimmate alle estremità rappresentano il quadrato del mondo materiale. I 3 chiodi insieme alle tre ferite si sommano a 6, che indicano le 6 facce di un cubo. Quando il cubo è aperto, forma una croce, la cui faccia centrale è comune sia allo stelo verticale che alla barra orizzontale.
La faccia centrale è il punto dell’unione dei principi maschili e femminili, o di Spirito e Materia. I numeri tre e quattro, così combinati nella croce, danno armonia a entrambi e sono il simbolo delle forze creative della natura, e il punto centrale è l’amore sublime, l’amore nel suo aspetto più alto, uguale all’amore di Dio stesso, quando quell’amore è purificato in servizio, sacrificio e devozione. Pertanto, uno dei significati esoterici della crocifissione viene scoperto nei simboli numerologici e geometrici che espongono la storia dell’evoluzione dell’uomo. Fu per questo motivo che la croce fu adottata come emblema dell’immortalità in Egitto, in Caldea, in Gran Bretagna, in India e in America. Ma con gli antichi, come con gli Iniziati, questa era la croce della Vita, non della morte.
Ora abbiamo visto che la croce non era derivata da una crocifissione storica, ma dagli insegnamenti misteriosi dell’antico Egitto, della Grecia, dell’India e di altre terre.
Né v’è alcuna prova storica che Gesù sia stato mai inchiodato su una croce.
Questo dogma di fede è stato preso in prestito dai riti di iniziazione dei Misteri egizi. Ma mentre in questi riti il candidato era legato (non inchiodato) a una croce, per simboleggiare la sua schiavitù con il corpo e il mondo materiale, la Chiesa convertì l’ allegoria dell’Iniziazione in fatto storico per rafforzare la sua dottrina dell’espiazione vicaria da uno storico salvatore che doveva essere sacrificato per i nostri presunti “peccati”.
Questo risponde alla domanda che preoccupa molti cristiani, ed è stato lanciato come un rimprovero contro la storia di Pasqua, vale a dire: come è possibile che Gesù venga torturato e ucciso dalla rabbia di Gerusalemme? Nessuno che crede veramente in un Dio amorevole e misericordioso può credere che avrebbe condannato il suo amato Figlio a un destino così terribile.
Fu questa dottrina più di ogni altra, che mi sembrò così completamente blasfema e impossibile, che mi fece uscire dalla Chiesa e iniziare la mia personale ricerca della Verità.
Il vero messaggio della crocifissione è stato accuratamente nascosto dalla Chiesa nella sua lunga battaglia per sopprimere gli odiati misteri della Grecia e dell’Egitto, perché solo loro potevano esporre le sue imposture e falsi dogmi.
Tutti i dettagli della presunta crocifissione storica di Gesù sono simboli, accuratamente progettati per dipingere un vivido quadro allegorico delle prove e delle prove dell’Iniziazione e della vita e dell’opera del Vero Maestro.
È il Sé Superiore dell’Iniziato, il principio di Cristo in tutti noi, che è il Messia sempre crocifisso e sofferente; crocifisso sulla croce dell’ignoranza di legno e dell’intolleranza delle masse non evolute. La sua carne è ancora fiele, il suo aceto da bere e la corona di spine incorona la sua fronte eterna e infinita; bagnato con il sudore del servizio non apprezzato. È ancora legato a mani e piedi, le sue vesti, spirituali e materiali, sono divise per sempre tra i Suoi aguzzini. Le sue parole e le sue azioni sono derise dai suoi nemici eterni, i cattivi di cuore, i bassi di spiritualità, i gelosi e dispettosi, figli del loro dio dell’Inferno.
E la risurrezione? Nei Vangeli possiamo leggere:

“Gesù le disse: Tuo fratello risorgerà. Marta gli disse: So che risorgerà nella risurrezione l’ultimo giorno.”

( Giovanni 11: 23-24).

Interpolando il suo dogma “dell’ultimo giorno” in questi versetti, che ci portano a credere che i morti risorgeranno dalle loro bare proprio come gli zombi nelle migliori tradizioni dei film di Hollywood, la Chiesa ha fatto del suo meglio per seppellire il significato nascosto delle parole di Gesù.
Tuttavia, quelli di noi che hanno familiarità con gli insegnamenti di San Paolo sapranno che cosa intendeva Gesù, poiché nella sua prima lettera ai Corinzi, l’Apostolo ci dice che: “C’è un corpo naturale e c’è un corpo spirituale”.
Questo, ovviamente, è il corpo fisico e il corpo astrale. Paolo continua dicendo: “Il primo uomo è della terra; il secondo uomo è il Signore dal cielo”.
Risorgere, come dice Gesù a Marta, ma non in un “ultimo giorno” indeterminato come insegna la Chiesa, ma alla fine di questa vita, proprio come abbiamo fatto alla fine di tutte le nostre vite precedenti sulla terra. Gesù, poi prosegue dicendo:

“Io sono la risurrezione e la vita: colui che crede in me, sebbene fosse morto, tuttavia vivrà: e chiunque vive e crede in me non morirà mai.”

( Giovanni 11: 24-26)

Questo è interpretato dalla Chiesa come un’esortazione alla fede in Gesù come unico salvatore dell’uomo. Questo è sbagliato . Siamo tutti salvatori di noi stessi nella forma del nostro sé superiore. Questo è il principio di Cristo in tutti noi. Questo non si riferisce alla vita eterna sulla terra , come molti immaginano.
No, la vita vera ed eterna per tutti noi inizia quando rivolgiamo la nostra faccia al Cielo, e lasciando dietro di sé le illusioni di questo mondo, sintonizzandoci nel pensiero e nelle azioni con i regni spirituali della Luce. È in questo modo che viviamo veramente la vita eterna, anche se siamo ancora sulla terra e imprigionati nei legami della carne. I veri “morti” sono quelli in cui manca completamente la scintilla della spiritualità, quelli che nelle cose materiali trovano la loro unica gioia. Non credono, né cercano nulla di più elevato, e quando muoiono, non c’è risurrezione per loro, perché non c’è nulla in loro che possa rinascere nello spirito che hanno negato mentre erano sulla terra.
Questo è il vero significato delle parole di Gesù e non è di certo un nuovo insegnamento.
Più di 5000 anni fa in Egitto, Horus pronunciò le stesse parole ai suoi discepoli e portava nelle sue mani i simboli gemelli della risurrezione e della vita eterna: lo scettro a testa di lepre della rinascita e della reincarnazione e la chiave ankh della vita eterna.
Esaminiamo alcuni versetti dei Vangeli per vedere cos’altro possiamo scoprire sul vero significato della Pasqua limitandomi ai Vangeli di Matteo e Giovanni .
Inizierò con Matteo , che descrive l’ingresso di Gesù a Gerusalemme come segue:

“Ecco, il tuo re viene a te, mansueto, seduto su un asino e un puledro; il puledro di un asino.”

( Matteo 21: 5)

Questo versetto, e quelli immediatamente precedenti e successivi, sono stati la causa di molti dibattiti tra gli studiosi biblici e rimangono un enigma per la maggior parte dei cristiani. Alcuni contestano la presenza di uno o due animali, nonostante il fatto che due animali siano chiaramente menzionati nel versetto 2: “Vai nel villaggio contro di te e subito troverai un asino legato e un puledro con lui”. Permettetemi di dire subito che la scelta di questo particolare animale e il suo puledro, non hanno nulla a che fare con il sacrificio di Abramo di un montone al posto di Isacco al suo dio, né è inteso a ricapitolare i molti esempi di meriti e re dell’Antico Testamento, come Salomone che cavalcava asini.
Questo è il momento di chiarire che la perniciosa dottrina della espiazione della Chiesa, che insiste sul fatto che gli esseri umani possono essere “salvati” solo attraverso il sacrificio propiziatorio di un figlio per placare l’ira di un padre geloso e dispettoso, è di origine puramente semitica .
Non fa parte del vero messaggio della Pasqua, né potrei aggiungere, dei veri insegnamenti di Gesù. Se dovessi dubitare che il Dio di Gesù non sia lo stesso dio degli ebrei, che sarebbe un atteggiamento eminentemente sensato da prendere, è perché voglio che i miei lettori pensino da soli e non si fidino di nulla; vi riporto le parole di Gesù stesso:

“Siete di vostro padre il diavolo, e farete le brame di vostro padre. Era un assassino sin dall’inizio, e non avete alloggiato nella verità, perché non c’è verità in lui. Quando parla una bugia, parla di lui, perché la menzogna, è la fonte di esso “.

( Giovanni 8:44).

Questo è il dio “arrabbiato”, “geloso” dell’Antico Testamento, preso in prestito dalla teologia ebraica per mezzo della demonologia babilonese, è il credo assolutamente crudele di questo mostruoso abominio che ha fatto tanto per allontanare le persone dalla Bibbia.
Mettendo radici nella mente dello zelota, del fanatico e del bigotto, ha portato oscurità, conflitto e odio nel mondo e nei cuori dell’umanità, invece della compassione, della misericordia, della pace e dell’amore di Dio. È importante tenerlo presente se si desidera comprendere il simbolismo dell’asino e il suo puledro, piuttosto che le finzioni superstiziose della Chiesa.
Questi due animali, un adulto e l’altro un bambino, rappresentano i due personaggi di Gesù, o Gesù nelle due fasi del suo ministero. Nel primo è il figlio umano di suo Padre, il “giovane agnello”, l’innocente che soffre per mano dei suoi nemici. Nel secondo lui è il super-uomo (ma non soprannaturale) principe della pace, che è dotato di una spada per uccidere l’ignoranza e fare la guerra spirituale sui poteri delle tenebre.
L’ astrologia è una delle chiavi che sblocca il significato nascosto della Bibbia. Usando questa chiave vediamo che gli antichi egizi associavano l’asino al segno zodiacale dell’Ariete in cui il giovane Dio solare è nato nel suo personaggio di guerriero per conto di suo Padre. Ora il segno dell’ariete cade tra il precedente segno dei Pesci e il seguente segno del Toro . Questi ‘zootipi stellari’ simboleggiano ciascuno qualità spirituali diverse e certe fasi nella vita di Gesù.
Come un pescatore di uomini, Gesù è il Messia, che incarna le qualità dei mistici, dei servizi e del sacrificio di sé che gli astrologi associano a questo segno. Come Ram (il dio indù Rama) , è il coraggioso pioniere e guerriero che combatte l’ignoranza e la superstizione. Quindi non sorprende che lo troviamo seduto su un animale che ha molto in comune con l’ariete, un asino, poiché entrambi erano simboli del Dio Sole nell’antico mito egizio. Potresti chiedere perché non fare semplicemente cavalcare Gesù su un montone? Perché questo non solo renderebbe il conto non plausibile (poiché gli arieti non sono bestie da soma), ma minerebbe l’allegoria che nasconde come vedremo tra un momento.
Più tardi Gesù assalta il tempio e stravolge le tavole dei cambiavalute, azioni in perfetto accordo con le qualità del Toro, l’irresistibile toro che calpesta ogni opposizione con la sua magnifica forza.
L’asino era anche conosciuto come un tipo di dio-sole nell’antico Egitto, dove “Mangiatore di culo” è un altro nome di Apep o il Diavolo, che fa una guerra costante contro il dio e i suoi seguaci. In un’illustrazione tratta dal Libro egizio dei morti, “Mangiatore di culo” viene visto mordere la schiena di un asino, che viene consegnato dallo scriba Nekht nel suo personaggio di Osiride.
Ora Osiride, come vedremo nella mia postfazione, ha condiviso molte delle caratteristiche di Gesù, così il simbolismo dell’animale-dio di un asino e del messaggero di Dio che cavalca su di esso che verrà presto tradito, diventa chiaro.
Nel versetto 8 leggiamo che: “E una moltitudine molto grande ha diffuso i loro abiti sulla strada; altri hanno tagliato i rami dagli alberi e li hanno fatti strada.” La diffusione di “abiti” prima di Gesù simboleggia la dispersione degli ingombri mentali che ci impediscono di percepire il vero Maestro e i veri Insegnamenti. Anche i ‘rami’ sono significativi, poiché poiché Gesù era la ‘Vera Vite’ (della Verità), “ogni ramo che porta frutto, lo spurga, affinché possa produrre più frutto”, come possiamo leggere in Giovanni 15: 2 . In altre parole, l’avvistamento del percorso di Gesù con i rami simboleggia la volontà delle persone di “purificare” le loro idee sbagliate, senza le quali preparazione precedente, Gesù ”
Successivamente troviamo Gesù che lancia i cambiavalute fuori dal tempio. Poiché non esiste un tempio più grande del corpo umano che ospita lo spirito di Dio, scacciare i cambiavalute significa purificarci da tutte le impurità, di cui l’ignoranza è la più grande. Che questa sia la corretta interpretazione che troviamo confermata in Matteo 21:13:

“La mia casa sarà chiamata la casa della preghiera; ma tu l’hai trasformata in un covo di ladri”.

Quale peggior furto può esserci che usare i doni spirituali di Dio per il nostro guadagno egoistico e il piacere materiale?
Passo ora a Marco , capitolo 16, versetti 3-4, per concludere questa indagine, in cui troviamo i discepoli in piedi fuori dalla tomba di Gesù, chiedendo:

“Chi ci farà rotolare via la pietra dalla porta del sepolcro? E quando guardarono, videro che la pietra era rotolata via, perché era molto grande “.

A prima vista questo non ha molto senso. È quasi come se qualcuno avesse rimosso un verso o dei versetti che spiegavano chi rotolava la “grande” pietra dalla porta della tomba. Per risolvere il puzzle dobbiamo rivolgerci a quell’instancabile rivelatrice di segreti, Madame Blavatsky. In uno dei suoi articoli dice:

“Colui che si sforza di resuscitare lo Spirito crocifisso in lui dalle sue passioni terrestri e sepolto in profondità nel” sepolcro “della sua carne peccaminosa; colui che ha la forza di far rotolare la pietra della materia dalla porta del suo santuario interiore , ha il Cristo risorto in lui “.

Abbiamo ora visto che nel processo di trasmogrificazione (trasformazione) delle allegorie di iniziazione, illuminazione e liberazione insegnate nelle scuole esoteriche della Grecia e dell’Egitto in eventi storici , la Chiesa ha spogliato la storia della Pasqua di gran parte del suo significato interiore e ha distorto le verità spirituali che era destinato a trasmettere.
Come ho detto prima, nell’antico Egitto il candidato all’Iniziazione era legato (non inchiodato) ad un ‘letto’ a forma di tau o croce. Il suo corpo era lasciato li per tre giorni e tre notti, durante i quali il suo Sé Superiore comunicava con gli dei nell’Ade, o nel mondo astrale inferiore. Poi veniva collocato nel Sarcofago nella Camera del Re nella Grande Piramide.
Durante la notte del terzo giorno il corpo nel sarcofago veniva avvicinava all’ingresso di una galleria, dove a una certa ora i raggi del Sole ne riempivano il viso provocandone simbolicamente il risveglio per essere iniziato dal Gerofante.
Questo quindi è il vero significato della Pasqua, della crocifissione e della risurrezione. È un messaggio di Luce, Pace e Amore e la promessa della vita eterna nello spirito, che siamo cristiani o no.
È un insegnamento antico quanto l’Uomo, che dimostra in modo incerto che il cammino verso la Luce che Gesù percorse è aperto a tutti noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Articolo precedente

La melissa

Articolo successivo

Incantesimo della ruota della fortuna.