La magia dell’antico Mediterraneo

Bambola Voodoo Egiziana custodita nel museo del Louvre di Parigi.

Era un segreto ben custodito tra gli storici tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo che la pratica della magia era diffusa nell’antico Mediterraneo. Gli storici volevano mantenere l’attività bassa perché non supportava la loro visione idealizzata di Greci e Romani. Oggi, tuttavia, la magia è un’area legittima di indagine accademica, che fornisce approfondimenti sugli antichi sistemi di credenze e sulle pratiche culturali e sociali.
Mentre la magia era scoraggiata e talvolta persino punita nell’antichità, prosperava lo stesso. Le autorità la condannarono pubblicamente, ma tendevano a ignorare la sua potente presa.
Gli incantesimi erotici erano una forma popolare di magia. I professionisti del genere accettavano commissioni per la scrittura di ciondoli erotici, la realizzazione di bambole incantate (a volte chiamate poppet) e persino la direzione di maledizioni contro i rivali innamorati.
La magia è ampiamente attestata da prove archeologiche, libri di incantesimi e letteratura sia dalla Grecia che da Roma, nonché dall’Egitto e dal Medio Oriente. Il papiro magico greco, ad esempio, dall’Egitto greco-romano , è una grande raccolta di papiri che elencano incantesimi per molti scopi. La raccolta è stata compilata da fonti che vanno dal II secolo a.C. al V secolo d.C. e comprende numerosi periodi di attrazione.
Alcuni incantesimi comportano la realizzazione di bambole, che erano destinate a rappresentare l’oggetto del desiderio (di solito una donna che era inconsapevole o resistente a un aspirante ammiratore). Le istruzioni specificavano come si doveva creare una bambola erotica, quali parole si dovevano dire su di essa e dove si doveva depositare.
Tale oggetto è una forma di magia simpatica; un tipo di incantesimo che opera secondo il principio del “Piace, Piace, Piace”.
Quando mette in atto la magia simpatica con una bambola, l’incantatore crede che qualunque azione venga eseguita su di essa, sia essa fisica o psichica, verrà trasferita all’essere umano che rappresenta.
La bambola magica meglio conservata e più nota dell’antichità, la cosiddetta ” Bambola del Louvre ” (IV secolo d.C.), raffigura una donna nuda in posizione inginocchiata, legata e trafitta da 13 aghi. Realizzata in argilla non cotta, la bambola è stata trovata in un vaso di terracotta in Egitto. L’incantesimo di accompagnamento, inciso su una tavoletta di piombo, registra il nome della donna come Tolomeo e l’uomo che ha fatto l’incantesimo, o incaricato un mago di farlo, come Sarapammon.
Gli incantesimi che accompagnavano tali bambole e, in effetti, gli incantesimi dell’antichità su tutti i tipi di argomenti, non erano lievi nella lingua e nelle immagini impiegate. Gli antichi incantesimi erano spesso violenti, brutali e senza alcun senso di cautela o rimorso. Nell’incantesimo che accompagna la Bambola del Louvre, la lingua è spaventosa e repellente in un contesto moderno. Ad esempio, una parte dell’incantesimo diretto a Tolemaide recita:

Non lasciarle mangiare, bere, resistere, avventurarsi o trovare sonno …

Un’altra parte recita:

Trascinala per i capelli, per le viscere, finché non mi disprezza più …

Tale linguaggio non è quasi indicativo di alcuna emozione pertinente all’amore, o persino all’attrazione. Soprattutto quando combinato con la bambola, l’incantesimo può colpire un lettore moderno come ossessivo (forse ricorda uno stalker o un troll online) e persino misogino. In effetti, piuttosto che cercare l’amore, l’intenzione dietro l’incantesimo suggerisce di cercare il controllo e il dominio. Tali erano le dinamiche sessuali e di genere dell’antichità.
Ma in un mondo maschile, in cui la competizione in tutti gli aspetti della vita era intensa, e l’obiettivo della vittoria era fondamentale, il linguaggio violento era tipico negli incantesimi relativi a qualsiasi cosa, dal successo in un caso giudiziario all’equipaggiamento per una corsa di bighe. In effetti, una teoria suggerisce che più feroci sono le parole, più potente ed efficace è l’incantesimo.
Le prove più antiche attestano gli uomini sia come professionisti magici professionisti che come loro clienti. C’era la necessità di essere alfabetizzati per eseguire la maggior parte della magia (la maggior parte delle donne non era istruita) e di essere accessibili ai clienti (la maggior parte delle donne non era libera di ricevere visitatori o fare affari). Tuttavia, alcune donne si dedicano anche alla magia erotica (anche se le fonti su questo sono relativamente scarse).
Nell’antica Atene, ad esempio, una donna fu portata in tribunale con l’accusa di aver tentato di avvelenare suo marito.
Il processo è stato registrato in un discorso pronunciato per conto dell’accusa (datato intorno al 419 a.C. e attribuito ad Antifonte il sofista) include la difesa della donna, secondo la quale non intendeva avvelenare il marito ma somministrargli un filtro d’amore per rinvigorire il matrimonio.
Il discorso rivela chiaramente che gli Ateniesi praticavano e credevano nelle pozioni d’amore e che questa forma più sottile di magia erotica (rispetto al lancio di incantesimi e alla realizzazione di bambole incantate) era esclusività di una cera arte femminile.
Nella molteplicità degli incantesimi trovati nei papiri magici greci, due si occupano specificamente del desiderio femminile dello stesso sesso.
In uno di questi, una donna di nome Herais tenta di incantare magicamente una donna di nome Serapis. In questo incantesimo, risalente al II secolo d.C., gli dei Anubi ed Ermes sono chiamati a portare Serapide a Herais e a legare Serapis a lei.
Nel secondo incantesimo, datato al terzo o quarto secolo d.C., una donna di nome Sophia cerca una donna di nome Gorgonia. Questo incantesimo, scritto su una tavoletta di piombo, ha un tono aggressivo; per esempio:

Brucia, dà fuoco, infiamma anima, cuore, fegato, spirito, con amore per Sophia ...

Divinità e divinità venivano regolarmente convocate per magia. Nell’incantesimo per attirare Serapis, ad esempio, Anubi è incluso in base al suo ruolo di dio dei segreti della magia egizia. Hermes, un dio greco, era spesso incluso perché come dio messaggero, era una scelta utile negli incantesimi che cercavano il contatto con qualcuno.
La tendenza a combinare divinità di diverse culture non era rara nella magia antica, indicativa della sua natura eclettica e forse una forma di copertura delle proprie scommesse (se il dio di una religione non ascolta, potrebbe provenire da un altro sistema di credenze).
Divinità con connessioni erotiche sono state anche iscritte su gemme per indurre attrazione. Il dio greco dell’erotismo, Eros era una figura popolare da rappresentare su una pietra preziosa, che poteva quindi essere trasformata in un gioiello.
I numerosi incantesimi erotici nell’antichità, dalle pozioni alle bambole alle gemme e ai rituali incantati, non solo forniscono informazioni sulla magia nell’antico mondo mediterraneo, ma le complessità e le convenzioni culturali sulla sessualità e sul genere.
Il rigido sistema di ruoli di genere chiaramente delimitati di partner attivi (maschi) e passivi (femminili), basato su un patriarcato che sosteneva il dominio e il successo a tutti i costi, era alla base delle pratiche magiche delle stesse società.
Tuttavia, è importante notare che anche nella magia con persone dello stesso sesso viene utilizzato un linguaggio aggressivo a causa delle convenzioni che sottolineavano antichi incantesimi.
La magia ancora rimane, in parte, un mistero quando si tratta di pratiche e convenzioni erotiche.
I due incantesimi omosessuali del papà magico greco, per esempio, attestano la realtà del desiderio erotico tra le donne antiche, ma non fanno luce sul fatto che questo tipo di sessualità sia stata condonata nell’Egitto romano. Forse tali desideri non erano socialmente approvati; da qui il ricorso alla magia. Forse i desideri di ‘Sarapammon’ per Tolomeo erano anche al di fuori dei limiti dell’accettabilità, che lo ha portato al mondo surrettizio e disperato della magia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Articolo precedente

La chiave: simbologia e mistero.

Articolo successivo

Rituale del ‘Pensiero d’amore’