Peluche contro incubi e forze negative

Questa pratica la trovate descritta in molte forme e consiste nell’incantare un peluche (ma può essere anche una ‘pigotta’) in modo tale da avere una protezione durante la notte da incubi, sogni spiacevoli e presenze non ‘amichevoli’.
In molte tradizioni questa pratica era svolta anche per difendere la stanza dei bambini.
Recuperatevi questo materiale:

  • Un animaletto di peluche o una pigotta.
  • Forbici
  • Ago e filo
  • Un piccolo pezzo di ametista il quale previene e protegge dagli incubi.
  • Un piccolo pezzo di quarzo rosa il quale porta sogni felici
  • Carta e penna
  • Un sigillo di protezione contro gli incubi e le forze negative notturne come quello che vedete nella figura che accompagna questo articolo.

Prendete la penna e disegnate sul pezzo di carta (disegnatelo a mano, evitate di stamparlo) il sigillo.
Ora prendete dolcemente il vostro animaletto di peluche (o la pigotta) e stringetelo dolcemente a voi.
Coccolatelo e fategli sapere che desideri non danneggiarlo.
Su una cucitura che può essere facilmente riparata tagliate con cura e delicatezza in modo da creare una piccola apertura.
Badate che i cristalli siano piccoli (basta proprio un frammento) in modo che possano ‘perdersi’ nell’imbottitura.
Mettete i cristalli ed il sigillo all’interno del vostro peluche dicendo la seguente frase (o simile):

“Con questi cristalli e sigillo, ti chiedo di proteggermi nella notte dai sogni che mi causano disordini e dalle forze negative che possono turbare il mio sonno”.

Cucite l’apertura nel modo più ordinato e stretto possibile in modo che non possa essere strappata e nemmeno notata.
Baciate dove avete eseguito la cucitura e poi dite:

“Ti ringrazio profondamente per il tuo aiuto.”

Mettete, ora il vostro peluche sul vostro letto.
Quando dormite, assicuratevi che esso sia sul letto assieme a voi.
Per ricaricarlo e pulirlo periodicamente posizionatelo alla luce del sole o al chiaro di luna per 2-3 ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Articolo precedente

Il sussurro degli elementi

Articolo successivo

Il Faravahar