Risolvere le relazioni irrisolte.

A volte il passato ritorna e le vecchie relazioni (può essere una vecchia fiamma, un amico che non si è rivelato tale, un ex datore di lavoro…) che non siamo riusciti a risolvere definitivamente (o che pensavamo di aver risolto per sempre) possono far capolino e provocare disagi e preoccupazioni nel nostro vissuto attuale.
L’influenza delle ‘relazioni’ irrisolte può essere molto più pesante di quanto potremmo supporre sopratutto se abbiamo avuto coinvolgimenti di tipo emotivo.
A volte risolvere definitivamente i rapporti può nascere da un nostro profondo desiderio di rinnovamento e cambio vita.
La pratica che vi propongo questa sera serve proprio per favorire la risoluzione definitiva a questi rapporti che ci portano via preziose energie psico fisiche o ai quali ci sentiamo troppo legati come se fossero pesanti catene.
Recuperatevi questo materiale:

  • Una piccola candela nera (usata per bandire le influenze negative)
  • Un fogliettino di carta
  • Una penna nera
  • Salvia (per la pulizia e la purificazione)
  • Una pietra di ossidiana associata alla pulizia psichica, alla protezione, alla messa a terra e alla trasformazione personale
  • Un ripiano che vi possa fare da supporto / altare.
  • Un contenitore ignifugo (un posacenere, un contenitore di rame, un incensiere….)
  • Alcuni dischetti di carbonella
  • Un accendino

Innanzitutto preparate per bene il vostro spazio di lavoro, pulendolo e purificandolo.
Posizionate il vostro altare disponendo gli oggetti necessari avendo cura di mettere al centro di esso la vostra candela nera, alla sinistra di quest’ultima il contenitore ignifugo e alla destra la pietra di ossidiana che vi donerà le vibrazioni necessari alla riuscita della vostra opera.
Se avete la possibilità (non è obbligatorio) svolgete questa pratica all’esterno per coinvolgere anche l’elemento aria.
Anche voi dovete avere l’animo rilassato, tranquillo e consapevole.
Prima di cominciare questo piccolo rituale meditate per qualche minuto, ascoltate un po’ di musica che vi ‘manda a stare bene’, bruciate un incenso che vi intriga e vi piace …in poche parole rilassatevi e pensate alle persone con cui volete interrompere qualsiasi rapporto segnandone il nome (potete mettere solo l’iniziale se lo desiderate) sul foglietto di carta.
Quando siete pronti mettete i carboncini e la salvia nel vostro contenitore ignifugo (lo potete utilizzare anche per la fase di rilassamento che precede il rituale vero e proprio) ed accendete il tutto.
Chiudete gli occhi, inalate il fumo e sentitevi purificati e benedetti.
Accendete la vostra candela nera. Mentre lo fate, cominciate a pensare alla persona o alla cosa che volete lasciar andare, all’effetto che ha avuto sulla vostra vita e alla ragione (o alle ragioni) per cui dovete essere liberi dalla loro influenza.
Prendete il pezzo di carta con il nome della persona scritto sopra, e tenetelo sulla fiamma della candela.
Tenete il foglio di carta sopra la fiamma solo per il tempo necessario alla sua accensione, e poi posatelo nel contenitore ignifugo assieme alla salvia.
Mentre guardate la carta bruciare, recitate il seguente incantesimo:

“La presa su di me è spezzata. Non ha più alcun potere su di me. Io sono libero dalla sua influenza”.

Ripetete questo incantesimo tutte le volte che vi sembra giusto (3, 6, 9 volte).
Concedetevi di sentire tutto il dolore e la frustrazione che questa persona ha causato nella vostra vita. Riconoscete questi sentimenti, sono una parte normale e valida del nostro processo di guarigione emotiva, ma non vi servono più.
Avete superato la fase di guarigione in cui sono utili. Concentratevi su questi sentimenti per un momento e poi lasciateli andare. Sentite che vi vengono portati via, lasciandovi liberi dal loro peso.
Se siete all’aperto l’elemento aria vi darà un aiuto ad allontanarli da voi.
Sentite la pace e la felicità fluire in voi per sostituire tutto il dolore che avete appena lasciato andare.
Una volta che vi sentite in pace, spegnete la vostra candela nera per porre fine al rituale.
Il consiglio è che con con gli incantesimi di “lasciar andare” o “liberarsi”, è meglio non prolungare la pratica più del necessario. Fate quello che dovete fare, e poi finite il rituale.
Non date a queste influenze negative più di quanto non sia assolutamente necessario, né il vostro tempo e nemmeno la vostra attenzione.
Aggiungete ancora un po’ di salvia e fate un’ultima pulizia di voi stessi e del vostro spazio.
Questo farà in modo che siate liberati da qualsiasi negatività persistente, e metterà una sorta di “sigillo finale” alla potente pulizia che avete appena fatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Articolo precedente

Il metodo Bates

Articolo successivo

Il rituale del rossetto