Il serpentino

Questa pietra era considerata importante e magica già al tempo degli Assiri (4000 a.C.) ed era conosciuta con il nome di Za-tu-mush-gir.
È un minerale dalle varie tonalità del verde ed ha un aspetto piuttosto squamoso quando è nella sua forma grezza; è proprio per questo motivo che gli è stato attribuito il nome di ‘serpentino’.
A livello mineralogico il serpentino è molto interessante in quanto si forma in un ambiente terziario, cioè per metamorfosi delle rocce magmatiche basiche.
La pietra viene venduta anche sotto il nome di “Nuova Giada”e si può trovare in commercio in tre differenti forme: una forma lamellare, una fibrosa e una striata.
Viene utilizzata a scopi curativi da diversi secoli, già nell’epoca preromana ritenevano che possedesse il potere di tenere lontane le malattie e i sortilegi.
Gli Aztechi utilizzavano il serpentino per abbellire l’interno dei loro templi ma è apprezzato anche Cinesi ed Indiani dove spesso è incorporato in altari, sculture e decorazioni dei tempi.
In queste civiltà il serpentino è stato usato come talismano, per la protezione contro le potenze demoniache, ma anche come tutore della energia vitale e come protettore dell’anima contro le potenze invisibili. Il serpentino è anche presente sulla corazza di Aronne, fratello di Mosè, nell’Esodo. (c’erano 12 pietre sulla corazza e rappresentavano le 12 tribù).
Il monaco Rasputin amava la pietra serpentino e, narra la leggenda, lo usò per salvare la vita del figlio dello Zar.
È associato al segno dei Gemelli ed il suo elemento è l’aria.
In esoterismo il suo significato simbolico è da riportare alla longevità e al ricordo di vite passate
Pietra di messa a terra, apre anche nuovi percorsi per l’energia Kundalini (1° chakra), aiuta nella meditazione e migliora l’esplorazione spirituale.
Le sue vibrazioni aiutano il recupero della saggezza e a ritrovare la memoria delle vite passate, apre le capacità psichiche favorendo la direzione cosciente dell’energia di guarigione verso le aree problematiche. Corregge gli squilibri mentali ed emotivi, aiutandovi a raggiungere un maggiore controllo nella vostra vita.
Il serpentino è, fra le altre cose, una potente pietra di protezione e può essere utilizzato per eliminare blocchi energetici in tutti i chakra ma soprattutto per aiutare a rigenerare e a rinforzare il chakra del cuore.
Difatti il serpentino è una pietra di guarigione energeticamente potente che aiuta la compensazione delle aree bloccate, portando i chakra di nuovo in equilibrio. Ottima è la sinergia con la giada, il crisoprasio e la serafinite.
Il serpentino viene usato in cristalloterapia per guarire e liberare l’aura da tutti i blocchi di energia che impediscono la totale e piena guarigione. Lavora in modo eccellente sia sul piano mentale, fisico ed emotivo.
Questa splendida pietra da un punto di vista fisiologico è utile per tutti i problemi legati al cuore, in particolare l’alterazione del ritmo.
Alcuni cristalloterapeuti lo usano anche per quelle persone che hanno problemi di stomaco, specialmente in caso di stipsi o dissenteria.
È utile per quelle persone che non riescono a dimagrire a causa di un metabolismo lento. Basta tenerla a contatto con la pelle per ottenere benefici in questo senso, velocizzando quindi le funzioni metaboliche. Le donne possono tenere questa pietra vicina alle ovaie (quindi l’idea è che ne usiate due) per alleviare i dolori del ciclo mestruale.
È un ottimo alleato in caso di nervosismo.
Molto spesso infatti ci lasciamo prendere dallo stress e dall’ansia a causa delle persone che ci circondano. Quando ad esempio veniamo criticati per le scelte fatte, oppure per quelle che non siamo capaci di prendere. La paura di deludere… spesso insomma è la nostra ansia nel tradire le aspettative altrui che ci spinge a vivere in un perenne stato di stress.
Il serpentino ci protegge da queste influenze, ci insegna a prendere le distanze dai desideri degli altri per privilegiare i nostri.
Utilizzatela e vi accorgerete anche che spesso è possibile trovare qualche soluzione che vada bene a tutti, vi rende disponibili al compromesso.
Sembra che il serpentino aiuti anche nella sfera sessuale sbloccando quelle donne che non riescono mai a raggiungere l’orgasmo durante il rapporto con il partner.
Se siete persone molto caotiche, vi aiuta a trovare l’equilibrio dentro di voi; a trovare quell’angolino di tranquillità in mezzo a una giornata di 24 ore per riflettere, indagare su chi siete davvero.
Cercate di portare con voi una pietra di serpentino e darete molto più rilassati; tenendolo con voi riuscite a gestire meglio le situazioni di stress e il nervosismo.
Potete utilizzare il serpentino anche durante la meditazione o nei vostri attimi di riposo se vi sentite parecchio confusi e dovete trovare di nuovo il vostro equilibrio; basta che tenete la pietra tra le mani e la sua energia farà il resto.

Fonte principale: Alchimia delle Pietre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Articolo precedente

L’incantesimo delle tre grazie.

Articolo successivo

Il mistero di Alessandro Cagliostro