L’incantesimo della bottiglia

Questo incantesimo di bando è piuttosto noto e lo trovate descritto proposto in diverse varianti.
Io, al solito, ve ne propongo una versione semplice ed immediata da fare, ma non per questo meno efficace e suggestivo.
Lo scopo di questa opera è quello di allontanare fatture e malocchio, ma non solo…risulta essere molto utile anche per neutralizzare il potere di coloro che intendono nuocervi fisicamente,che tentano di minare la vostra reputazione (malelingue) o che in qualche modo rappresentano una minaccia alla vostra sicurezza.
Potete facilmente adattarlo, anche, con il fine di realizzarlo per qualcuno a voi caro.
Recuperatevi questo materiale:

  • Quattro cucchiai di incenso o mirra
  • Quattro cucchiai di ferro nero in polvere
  • Quattro cucchiai di sale marino
  • Quattro cucchiai di polvere di radice di iris (muschio di quercia)
  • Una candela bianca
  • Una bottiglia con tappo di sughero o coperchio
  • Mortaio e pestello
  • Un pezzo di carta pergamena (o di cartoncino)
  • Una penna nera
  • Un pezzo di filo nero
  • Un ripiano che possa farvi da supporto / altare (un tavolino è ottimo per lo scopo)

Vi ho dato la ‘ricetta’ completa ma se non trovate qualche ingrediente non vi preoccupate…gli elementi essenziali sono il sale ed il ferro. L’incenso, la mirra e la polvere di radice di iris sono ‘amplificatori’ ma se ne omettete uno non ci sono problemi.
Queste opere vanno fatte in periodo di luna calante ovvero tra i 4 – 7 giorni dopo la luna piena.
Preparate con cura il vostro spazio di lavoro e l’altare.
Vi consiglio di fare un piccolo rituale di pulizia e purificazione, (ne trovate anche su questo blog) prima di cominciare, per essere sicuri che le energie che vi circondano siano ‘neutre’ e ben bilanciate.
Posizionate al centro di quest’ultimo la candela bianca e fermatevi un attimo in meditazione per raccogliere le energie.
È il momento per mandare il vostro pensiero alla vostra forza spirituale di riferimento per richiedere aiuto e benedizione.
Mettete nel mortaio il sale marino , il ferro, l’incenso e la radice di Iris.
Prendete il pestello e schiacciate il tutto con energia fino a quando il tutto non risulti amalgamato.
Ora prendete la carta pergamena (o in alternativa un foglio di cartoncino bianco) e tagliatela in modo che possa starci, arrotolata, nella vostra bottiglia.
Ora scrivete, utilizzando la penna nera, le seguenti parole (o simili) sulla vostra pergamena

Neutralizzo il potere di (nome dell’avversario) al fine che non possa più nuocermi.
Chiedo alle antiche e potenti forze della terra che ciò avvenga.
Così sia!

Mettete il vostro foglio arrotolato nella bottiglia aggiungendo, successivamente con attenzione, la polvere che avete prodotto in precedenza.
Quando avete terminato di riempire la bottiglia prendete la candela bianca e mentre ruotate la bottiglia in senso antiorario, fate cadere alcune gocce di cera sul sughero per sigillarla.
Il rituale termina affidando alle forze ctonie la vostra bottiglia.
Trovate un posto, sufficientemente fuori da occhi indiscreti dove potete seppellire la bottiglia.
Vi avverto che se qualcuno o qualcosa (ad esempio un animale) disotterrerà la vostra bottiglia l’incantesimo si spezzerà e con esso la protezione ottenuta.

Follow me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Articolo precedente

Mabon

Articolo successivo

Lo spirito del luogo (Genius Loci)