Lo spirito del luogo (Genius Loci)

Ogni luogo, sia esso un parco, una foresta, una strada trafficata della città o la tua casa, ha il suo ‘Genius Loci’.
Ma cos’è veramente?
È la profondità di quel luogo, è la personalità, è la storia, la sensazione, l’odore, l’aspetto, il gusto e il suono.
Tutte queste cose insieme creano il suo spirito.
È il senso di calma che provi quando guardi un lago all’alba, il senso di mistero nei boschi nebbiosi che attraversi, il senso di connessione, tristezza e rispetto che provi camminando in un cimitero, la sensazione di pace dentro di te quando sei a casa.
Come collegarsi ad esso?
Ci sono molti modi per vederlo, per sentirlo, per connettersi ad esso, per lasciare che ti riempia e chi trasmetta energia e sensazioni, ma prima devi essere consapevole del tuo spirito e di come si inserisce in quel luogo e le sue energie.
Ad esempio, quando guardi un tramonto e senti la tua anima muoversi, ti stai connettendo passivamente con lo spirito di esso.
Il modo più semplice ed efficace per connettersi con lo spirito di un luogo è quello di porsi come umili ‘ospiti’ osservatori e meditare.
Siediti, mettetti comodo e inizia concentrandoti sulla respirazione.
Quindi, usate gli altri sensi per ottenere una migliore “sensazione” dello spirito che alberga il ‘luogo’ dove vi trovate.

  • Ascolta il luogo, respira al ritmo di come suona il luogo.
    Con la brezza, con gli animali, con il rumore dell’acqua che si muove (se c’è vicino).
    Lascia che i ‘tuoi’ suoni, il tuo battito cardiaco, il tuo respiro, la tua anima si sincronizzino con quei suoni.
  • Senti l’erba o la terra, gli alberi o l’acqua, la sabbia o il divano, il marciapiede… qualunque cosa ovunque tu sia.
    Come si sente fisicamente il posto? È ruvido o liscio? Morbido o frastagliato?
    Come ti senti rispetto al posto? Lasci impronte? Rientranze?
    In che modo il tuo essere fisicamente lì lo cambia?
  • Annusa il mondo intorno a te, che profumi senti?
    C’è un giardino nelle vicinanze? Senti odore di cibo? Spazzatura? Terra umida? Il tuo profumo
    risalta o corrisponde/appartiene al luogo come parte di esso?
  • Guardati intorno!
    Questo potrebbe sembrare ovvio, ma è probabilmente il modo più semplice per avere un’idea generale dello spirito di un luogo.
    È occupato e movimentato? È calmo e sereno? Ci sono edifici vecchi o nuovi? Qual è la storia del luogo che puoi vedere a titolo definitivo?
    È malandato o ben tenuto? come ti fanno sentire le cose che vedi del posto?

Un altro modo per conoscere lo spirito di un luogo è ricercarne la storia.
Cosa è successo in quel luogo? Chi viveva lì? Chi è morto lì?
Se è una foresta, lo è sempre stata? È sempre stata una palude o un lago?
Lì si combattevano battaglie? Una volta era terreno agricolo? Che clima ha?
Conoscere queste cose su un luogo prima di uscire ed esplorare o meditare lì può aiutarti a proteggerti dalle persistenti energie ed emozioni negative che potrebbero coinvolgerti e non farti sentire a tuo agio.
I romani consideravano il ‘Genius Loci’ come uno spirito protettivo di un luogo, dandogli spesso una vera e propria incarnazione fisica.
Fate, elfi, driadi, satiri, unicorni e ogni sorta di creature mitiche sono rappresentazioni dello spirito di un luogo.
Altre volte, lo spirito di un luogo (su una scala più ampia di un singolo punto vicino a un fiume) può essere visto nello stile artistico, nello stile dell’arredamento, nel cibo e nello stile della casa di un’area e delle persone che lo abitano.
Anche gli animali sono spesso simboli dello spirito di un luogo.
Diverse culture native in tutto il mondo sono state tutte molto interessate allo spirito del luogo.
Tenevano rituali sacri negli stessi luoghi e offrivano offerte agli spiriti, agli antenati e alla terra stessa per provocare manifestazioni di buon raccolto, buona fortuna e simili.
Attraverso miti e racconti, le storie degli spiriti di questi luoghi sacri sono state conservate e tramandate.
Anche se i tempi sono cambiati e l’umanità nel suo insieme continua a cambiare il volto fisico del mondo in cui viviamo, lo spirito del luogo persiste e spesso cambia con noi.
Quei vecchi spiriti si sentono ancora, e il loro dolore per i cambiamenti che abbiamo fatto può essere sentito fortemente, a volte; possiamo sentire la loro felicità e gioia o anche la rabbia quando stiamo sconfinando in luoghi sacri.
Nella nostra casa e sul nostro posto di lavoro c’è uno spirito del luogo; in casa, e dove esercitiamo la nostra arte, è particolarmente prudente mantenere lo spirito di quel luogo ‘pacificato’ e protettivo.
Non fa bene al tuo spirito essere a casa e non sentirsi al sicuro o in pace.
L’atmosfera generale della tua casa è lo spirito del luogo.
Ti piace un’atmosfera accogliente e disordinata? O uno spazio minimalista pulito e organizzato?
La tua casa è calda e accogliente per gli altri?
All’interno della tua casa, lo spirito del luogo è un ottimo riflesso del tuo spirito personale; è il luogo in cui il tuo spirito dovrebbe sentirsi come se appartenesse a sua volta a quel luogo e dove, quindi, dovrebbe essere in grado di andare per ricaricarsi.
Se il tuo spirito si sente fuori posto nella tua casa, come un pezzo di un puzzle nel posto sbagliato, allora dovresti cercare di organizzare quello spazio per farlo stare meglio.
Per farvi un esempio personale la mia casa è calda, accogliente e la mia porta è sempre aperta ad amici e parenti.
Ho sempre una caffettiera sul fornello, pronta a fare un caffè per chi viene a trovarmi, candele accese per dare luce e calore, una libreria mai coperta di polvere, il mio spazio di lavoro dove vado a fare la mia ricarica spirituale…; un senso generale di pace e calma permea il mio appartamento.
La mia tavola è sempre apparecchiata per più di me stesso, anche se il più delle volte mangio da solo, e il mio letto di riserva è sempre aperto a qualsiasi amico che abbia bisogno di un posto dove dormire.
Mi piace pensare che quello che provo nello spirito del luogo di casa mia sia lo stesso sentimento di accoglienza e calore che provano gli altri quando arrivano.

Follow me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Articolo precedente

L’incantesimo della bottiglia

Articolo successivo

Il nodo di Salomone