Orgoglio

“È stato l’orgoglio che ha trasformato gli angeli in diavoli; è l’umiltà che rende gli uomini angeli”.

I sette peccati capitali: orgoglio, avidità, lussuria, invidia, gola, ira, accidia.
Dicono che l’orgoglio è il peccato da cui sorgono tutti gli altri; non ero d’accordo.
Non lo consideravo affatto un peccato.
Forse è per questo che sono in questa posizione, ruotata all’infinito come un burattino, sul palcoscenico oscuro, con una luce minacciosa che illumina ogni mio passo.
Non ricordo quando ho smesso di sentire le mie gambe e di pensare a cosa avrei fatto dopo.
Mi sono resa conto che c’era qualcun altro che tirava i fili, quindi mi sono rilassata. Ho lasciato che mi torcessero le mani, il busto, la testa. Ero sicura che se qualcuno avesse scattato una foto sarei sembrata scolpita dallo stesso Michelangelo.
Ma non ero me stessa. Mi sentivo come se non mi appartenessi, come una macchia su una tela bianca, da cui non puoi liberarti.
Questa volta, ero io la macchia. Mi sono resa conto di essere un semplice burattino per pochi… mesi? – anni?.
Qualcos’altro era davanti a me.
Qualcos’altro aveva il controllo della mia vita.
Non credo che tu possa più chiamarla vita.
Ho perso il privilegio di chiamare la mia esistenza “vita” quando mi sono schiantata con quella macchina.
Ho colpito qualcuno, ho chiuso gli occhi e poi mi sono svegliata qui.
Tra le braccia di uno sconosciuto.
Braccia forti di un angelo, che mi fanno girare intorno, portandomi con tanta delicatezza come se fosse il suo lavoro per tutta la vita.
A volte, quando balliamo, intravedo il suo viso, pallido come la neve. Un po’ screpolato ai lati, ma comunque ancora freddo come il ghiaccio.
Ho formato un’immagine nella mia testa, ma c’era una tentazione nascosta che mi ha fatto venire voglia di guardarlo.
Volevo perdermi nei suoi occhi e osservare ogni dettaglio, come se fosse un quadro in una galleria.
Eppure, c’era qualcosa che mi diceva che non avrei dovuto farlo.
Forse un senso di autoconservazione? Una regola non scritta, radicata nel mio cuore? Non lo sapevo. Nel profondo, non volevo saperlo.
Feci qualche passo in avanti e mi lasciai cadere, solo per essere catturato dalle due braccia fin troppo familiari.
Un altro valzer, un altro cuore spezzato da qualche parte nel mondo.
Ho fatto una smorfia di dolore quando la mia schiena si è piegata un po’ troppo indietro. Oh, come disprezzo il valzer.
Ho preso due buone decisioni nella mia vita.
Convincere mia madre a iscrivermi a corsi di danza e a non stabilire mai un contatto visivo con l’angelo caduto.
Il secondo probabilmente mi ha salvato dal finire più in profondità nell’Inferno.
Mi ha impedito di precipitare nella follia, come un’anima chiusa nel guscio di un corpo umano, incapace di sfuggire al tormento, pur essendo profondamente consapevole del dolore e della propria impotenza.
Quando la musica finisce, sento deboli urla di terrore e dolore sotto di me.
Questa sinfonia contorta è stata l’unica cosa che mi ha fatto andare avanti. Avrei potuto essere morto, ma avevo ancora la possibilità di riscattarmi. Avevo ancora la possibilità di non finire come loro.
Lo potevo sentire.
Ho solo dovuto aspettare ancora un po’.
Mi aspettavo che il pianoforte suonasse nella stanza con il suo ritmo lento, ma non è stato così. Invece, una forte melodia si è avvolta intorno al mio cervello, apparentemente controllando ogni centimetro del mio corpo, costringendolo a muoversi nelle pose fin troppo familiari che ho imparato il giorno in cui l’orgoglio ha preso il controllo di me.

Il lago dei cigni Atto III: Il cigno nero

Non mi sono nemmeno accorta che i miei capelli si sono trasformati in una crocchia ordinata, con una tiara tempestata di gemme nere di diverse dimensioni posizionate con cura sopra.
Un sottile tutù nero fatto di piume ha sostituito l’abito di raso rosso che indossavo per il valzer e allo stesso tempo mi ha fatto sentire libera.
Ad ogni passo sulla pista da ballo, mi sentivo trasformarmi ulteriormente nel cigno nero.
Ero lui, e mettevo il mio cuore in ogni mossa, come ho fatto la notte in cui ho lasciato che l’orgoglio mi raggiungesse.
Tuttavia, oggi è stato diverso.
Questa volta ero io ad avere il controllo.
Ero entrata nell’ufficio con attenzione, osservando l’ambiente intorno me.
Qualcuno direbbe che sembravo una pecora timida. Soprattutto rispetto alla ballerina più anziana che stava in piedi nell’angolo accanto a un uomo noioso, abituato che le cose andassero sempre per il verso giusto, che di solito si nascondeva dietro una facciata di fiducia.
Mi sono sentita come uno studente universitario che partecipava al suo primo colloquio di lavoro.
Sapevo una cosa della donna, perché la conoscevo bene; era stata la prima ballerina l’anno scorso.
Una minaccia assoluta quando si esibiva, dicevano. Il regista l’ha definita un’incarnazione della perfezione quando ha interpretato il cigno bianco sui palcoscenici più prestigiosi del mondo.
C’era una differenza tra lei e gli altri . Nel corso della sua carriera, ha costruito un’immagine impressionante. Le altre ballerine si sono annichilite quando l’hanno vista. C’era rispetto, ma non era reciproco. Se le altre erano pecore, lei era il pastore.
“Siediti”, ordinò l’uomo ed io sprofondai lentamente nella poltrona imbottita, che si trovava al centro della stanza lussuosamente decorata.
“Potresti chiederti perché ti ho chiamato qui,  sarò breve.”
Abbiamo perso il nostro cigno nero», deglutì nervosamente e guardò la porta. “e tu sarai il nuovo”, guardò la ballerina, che osservò la ragazza con vivo interesse.
Nascosi il mio stupore  con un sorriso ed esclamai “Quando comincerò?”
“Dritto al punto, mi piace”, disse la ballerina anziana, rivolgendo il suo viso ironico al regista.
L’uomo sospirò e sfogliò le carte finché non tirò fuori un pezzo di carta giallastro, che mi fece scivolare davanti:  “Prima è meglio è. Una volta firmato questo, puoi iniziare ad allenarti lunedì prossimo”.
Firmai il contratto senza esitazione e senza nemmeno leggerlo; era  è la mia occasione.
Lo consegnò all’uomo, che ne fu chiaramente sorpreso. “Forse potresti trovarlo troppo impegnativo.”
Ridacchiai.
“Non ho bisogno di leggerlo, per sapere che sono qualificata. Sarò il miglior cigno nero che lei abbia mai visto, lo posso promettere,”  dissi con sicurezza.

-*-*-*-

Potevo sentire i fili rossi cuciti al mio corpo scomparire lentamente.
Quando l’ultimo filo perse il contatto con la mia pelle mi è sembrato di ritrovare me stessa.
Mi è stato ricordato chi ero prima di diventare il cigno nero e chi sono diventata dopo aver avuto il favore del mondo.
Non sono mai stata migliore degli altri.
Ho solo fatto il sacrificio che nessuno era disposto a fare. Alla ricerca della perfezione, ho sacrificato tutto me stessa.
Mi rincresce, mi pento delle scelte che ho fatto.
Il giorno in cui mi sono esibita ho pensato che non ci fosse nessuno migliore di me.
Forse lo sono anche stata, ma per poco tempo, perdendo il senso di chi ero veramente.
Non ho provato per l’ultima esibizione.
Ho sopravvalutato il mio potere e, con un semplice crack , la mia carriera è andata a fuoco.
Poi è arrivato l’alcol. Nemmeno questo è riuscito a lavare via l’orgoglio. Nemmeno la morte.
Due passi avanti, tre passi a sinistra. Poi un altro giro.
Ho dedicato la mia vita alla danza. Un errore.
Adesso ero destinata a ballare anche dopo la mia morte.
Ho avuto così tanto tempo per ripensare alle mie azioni e ora, per la prima volta dopo tanto tempo, sono finalmente consapevole dei mie difetti.
Bastava una musica per ricordare.
Era destino? Forse.
Poi la musica si fermò e l’ultima nota risuonò nella mia testa. Divenne lentamente più intensa, crescendo e stringendosi intorno al mio cervello come un rampicante.
Ero intrappolata. Forse era così che era la libertà, una pentola bollente di emozioni e dolore.
Sentii dei passi venire lentamente verso di me, ma non ebbi la forza di alzare la testa. Sapevo chi era. Non riuscivo proprio a guardarlo negli occhi.
“Per favore…” sussurrai, con voce rotta.
Non sapevo cosa stavo implorando. Perdono? Perché la musica si fermi? Per il suo aiuto?
Le lacrime mi gocciolavano sul viso, macchiandomi il trucco, e urlavo di dolore mentre il suono si intensificava e squarciava ogni cellula del mio corpo.
Lo ricordo inginocchiandomi lentamente. Ho aperto gli occhi, solo per vedere il pavimento di legno sfocato che ha iniziato a diventare nero.
«Vai a dormire», disse per la prima volta con voce calma e rassicurante.
Queste parole erano come la mia ninna nanna, ma non riuscivano a costringermi ad obbedire.
Non potevo più sopportare il suono. I miei muscoli erano in uno spasmo. Il mio corpo si piegò, testando il suo limite.
Era solo questione di tempo, il tutto si sarebbe rotto.
Ho provato a raccogliere i resti della mia mente, mettendoli insieme come pezzi di un puzzle, per formare un pensiero coerente.
Poi, anche questo,  si è fermato.
La mia mente si è svuotata ed ero finalmente libera.
Libera dal mio orgoglio. Libera dal mio peccato.
“E adesso?” sussurrai mentre mi trovavo davanti alle porte d’oro del Paradiso, l’incarnazione della tranquillità, che mi è mancata così tanto.
E adesso?

Follow me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code

Articolo precedente

La donna che piange

Articolo successivo

All Hallow