All Hallow

Chi legge questo blog sa che mi sono sempre dissociato da quella specie di grottesco, e ormai globale, ‘Horror party’ che ha il suo apice nella notte del 31 Ottobre.
Halloween nasce come festa dei santi, non di quelli famosi e da altare ma di quelli piccoli, di famiglia: i nostri morti.
Il nome deriva dall’antica festa di All Hallow, di Ogni Santi. Bisogna risalire all’antica Irlanda, quando c’era il dominio dei celti.
A quell’epoca, cioè alla metà del IX secolo, Papa Gregorio IV istituì la festa di Ognissanti e la fissò in perfetta corrispondenza con l’antica Samhain, appunto di origine celtica, che era il 1° novembre.
La festa sottolinea proprio la comunione dei vivi coi propri morti; dovrebbe essere il tempo della memoria e della riflessione profonda delle proprie radici.
Per chi crede che il viaggio dell’uomo non si fermi solo all’esistenza biologica, questo è il tempo in cui la barriera con il mondo degli spiriti è meno impenetrabile.
Vi invito, una volta posate le maschere e spento le zucche dalle sembianze di ‘Jack-o’-lantern’ di raccogliervi per qualche minuto in silenzio e volgere lo sguardo verso chi, dei vostri cari, vi ha preceduto nel cammino della vita.
Trovatevi un posto appartato e tranquillo, fate silenzio fuori e dentro di voi.
Accendete una candela bianca e sedetevi comodi.
Pensate ai vostri cari che non ci sono più e ai momenti che avete passato con loro…lasciatevi andare alla nostalgia e al ricordo.
Darete un profondo senso a questa notte e camminerete lungo il velo sottile mano nella mano con chi vi ha fatto un pezzo di strada, in questo mondo, con voi.

Follow me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Articolo precedente

Orgoglio

Articolo successivo

Spilli d’amore.