L’ordine geometrico

Con questo articolo proseguono gli articoli dedicati alla massoneria e ai suoi interessanti fondamenti filosofici.
Questa sera voglio proporvi una lettura tratta da un sermone del 1917 di Joseph Fort Newton un pastore della chiesa battista americana ma anche famoso ispiratore e riferimento morale di molte realtà massoniche americane.
Quello che segue è un appassionante trattato di filosofia in cui si ribadiscono i concetti tanto cari alla massoneria come l’importanza e la profondità morale dell’ordine geometrico (concetto che si ritrova molto nel famoso simbolo del compasso aperto con la squadra e la G nel centro che tutti conoscono).
Mi scuso in anticipo se rilevate alcune imprecisioni nel lessico del pezzo dovute magari a qualche errore nella mia traduzione dal documento originale inglese.

****

“La geometria, cioè la scienza dell’armonia nello spazio, presiede a tutto. La troviamo nella disposizione di un cono di abete, come nella disposizione della rete vivente di un Epeira; la troviamo nella spirale di un guscio di lumaca, nella coroncina di un filo di ragno e nell’orbita di un pianeta; è ovunque, perfetta nel mondo degli atomi come nel mondo delle immensità. E questa geometria universale ci racconta di un ‘Geometrista’ Universale, la cui bussola divina ha misurato tutte le cose”.

Quanto è interessante, rivelando l’infinita ingegnosità dell’immaginazione divina e i movimenti misurati delle sue fatiche. Naturalmente troviamo accenni di questa scienza nella Bibbia, in cui ricorrono certi numeri sacri, indicando parole, suggerendo pensieri e rivelando verità. Da nessuna parte questo è più evidente che nel libro dell’Apocalisse, che, invece di essere una serie di visioni offuscate e confuse, è un’opera di matematica spirituale. In quel libro Tre è la firma della Divinità. Quattro indica il mondo delle cose create. Sette denota pace e alleanza, mentre Dieci è il simbolo della completezza. I numeri pari simboleggiano le cose terrene, i numeri dispari le cose celesti, e i numeri dispari e persino aggiunti uniscono i due. Con questa antica scienza in mente, la visione della Città di Dio, con il suo disegno geometrico, assume un nuovo significato, anche se dovremmo aggiungere ad essa la visione nella profezia di Zaccaria in cui si dice al giovane uomo che la città santa non deve essere misurata in cubiti di calcolo umano. Qualche accenno al paradosso del misurabile e dell’incommensurabile deve essere stato nella mente del Veggente di Patmos, come se qualcuno gli avesse chiesto come i nostri cubiti terreni possano formare un calcolo per ciò che non conosce il metro del tempo o dello spazio. Da qui la sua parentesi, per risolvere il dubbio, “secondo la misura dell’uomo, cioè dell’angelo”.
L’uomo è cittadino di due mondi, ma non ha la capacità di realizzare il mondo dello spirito a parte l’aiuto del mondo dei sensi. Se egli chiede, malinconicamente, della vita a venire, l’unica risposta è quella che si esprime nelle immagini e nei colori della vita che ora è. Ogni volta che cerca di riflettere, con riverenza, su quale sia la natura essenziale di Dio, si ritrova a pensare all’Eterno in termini di quelle qualità morali che vede, in modo abbastanza debole, negli uomini più nobili. Non può fare a meno di se stesso; non c’è altro modo per lui di pensare. Verità, giustizia, misericordia, bontà nell’uomo deve essere della stessa natura della verità, giustizia e bontà in Dio, anche se in misura diversa, altrimenti non significano nulla per noi. Molto tempo fa Ovidio disse che “la nostra misura è nelle nostre anime immortali”, e la nostra fede non meno che la nostra filosofia si basa sul fatto che nell’uomo c’è un angelo, qualcosa di simile all’Eterno, che rende valido il nostro pensiero e la nostra visione più alta. Senza dubbio questo era ciò che Platone intendeva quando diceva che con l’arte della misurazione l’anima è salvata – cioè, misurando fino all’Angelo in noi raggiungiamo la verità; leggendo la realtà della vita attraverso il più alto, ne impariamo il significato e il valore. Se è così, abbiamo i nostri ordini di marcia e il percorso di conseguimento è reso chiaro anche ai più umili, e nessuno ha bisogno di sbagliare o perdere la sua strada.
Come in natura, dal fiocco di neve alle stelle, si trovano ovunque – cerchi, cubi, cubi, triangoli – così, tra tutte le razze e in tutte le età, certe idee, ideali, fedi e speranze sono custoditi e fidati. Socrate ha fatto la scoperta, una delle più grandi mai fatte, che l’umanità è universale. Facendo domande. quale fosse l’affare della sua vita, egli scoprì che quando gli uomini, siano essi artisti o artigiani, pensano a un problema e vanno in fondo ad esso, rivelano una natura comune e un sistema comune di verità. In questo modo, il consenso dell’intuizione, del pensiero e dell’esperienza umana conferma le verità fondamentali della fede, come un problema di geometria, e noi siamo giustificati nel prendere queste idee di base come le forme di pensiero della Mente Eterna riflesse nella mente dell’uomo.
C’è anche una geometria morale che funziona allo stesso modo, messa alla prova dall’esperienza umana secolare e dolorosa. Ogni via del male è stata talmente spesso provata, che quando vediamo un ragazzo iniziare un percorso oscuro del male facendo sappiamo quale sarà il risultato. Non c’è bisogno di nessun profeta per prevedere la questione finale; è un problema di geometria. Come ha detto David Swing, nel suo nobile sermone su “L’idealista”, scrivendo nel suo modo calmo e semplice:

“Alcuni parlano di ideali come se fossero semplici sogni. Al contrario, tutti gli alti ideali sono solo ritratti di vita visti in anticipo. Sarebbe molto più vero affermare che gli ideali sono i risultati più precisi raggiunti dai calcoli più accurati. È molto a loro favore il fatto che essi non provengano dal cervello dei malvagi, ma dagli intelletti che erano i più grandi. I più grandi uomini di ogni epoca hanno implorato la libertà, perché solo le menti più grandi possono dipingere in anticipo il quadro di un popolo libero. Molte nazioni sono oggi nella polvere e nel fango, perché non hanno menti abbastanza grandi da afferrare un ideale divino. Invece di essere una storia d’amore, un nobile ideale è spesso il lungo calcolo matematico di una mente logica come Euclide. L’idealismo non è la riflessione di un visionario; è la calma geometria della vita”.

Per il resto, consideriamo in modo pratico la geometria dell’uomo, le sue proporzioni e dimensioni. Come la Città Santa, che il veggente vide scendere dal cielo, la sua lunghezza, larghezza e altezza devono essere uguali, come insegnò Phillips Brooks nel suo grande sermone su “La simmetria della vita”, che la sua chiesa gli chiese di ripetere ogni tanto. La base del triangolo di carattere, cioè la lunghezza dell’uomo, l’estensione della sua influenza e del suo potere, è una questione di moralità. La purezza è la prima misura di un uomo. Privo di una certa qualità morale semplice, robusta e familiare, è un uomo solo per il caso della sua forma, sebbene abbia l’apprendimento di Bacon, la grazia di Chesterfield e l’eloquenza di Webster. La morale sono sempre i confini della libertà e le dimensioni primarie della virilità. Onestà, purezza, purezza, veridicità – nulla può prendere il loro posto, e senza di loro la religione è o una superstizione o una finzione. Un cuore puro può santificare un credo, ma un credo, per quanto vero, deve portare frutti morali prima di poter santificare una vita. Dare alla moralità, al di fuori del primo posto, è invertire l’ordine della vita e sconvolgere tutti i suoi valori. È il fondamento del carattere e della società.
Ma un uomo può essere morale, eppure meschino. Può essere pulito, ma crudele; giusto, ma non caritatevole; sincero, eppure bugiardo, bigotto e duro.
Può cacciare una famiglia povera dalla sua casa per mancanza di affitto, e così facendo essere onesti e disumani!
Se c’è qualcosa di peggio dei torti compiuti dagli uomini malvagi, è il male fatto dagli uomini buoni.
Ciò che dà bellezza, ampiezza e morbidezza alla vita, fondendo la nostra morale in bontà, è la simpatia.
E così alla purezza dobbiamo aggiungere la pietà. La giustizia corre longitudinalmente alla vita, ma la misericordia è ampiezza, ed è una prova di nobiltà, di raffinatezza, di grazia dello spirito. In mancanza di essa, abbiamo un Calvino nella chiesa che acconsente alla morte di Servetus a causa di una differenza di dogma, e un Jaubert nella finzione che insegue come un segugio i passi stanchi, aggrovigliati e dolorosi di Jean Valjean. L’uomo è simile all’animale, ma Dio ha messo nel suo cuore una scatola di pietà in alabastro dalla quale, una volta aperta, provengono le amenità della vita, le sue cortesie, le sue grazie, e quelle estensioni di simpatia che è la missione della cultura, non meno che della religione, da promuovere. E anche la tolleranza, perché il cielo è solo un villaggio se è fatto solo di quei pensatori che vengono sempre alla verità. Sia benedetta questa ampia e solare simpatia in cui il bigottismo e il cinismo si fondono e ci rivelano la misura dell’uomo, cioè dell’angelo che è in lui.
C’è un’altra misura dell’uomo, quella che William James chiamava “quell’insieme altra dimensione dell’esistenza”, così spesso dimenticata ai nostri giorni. Alcuni, per essere sicuri, la considerano una sorta di quarta dimensione, una cosa che si può sostenere esista, ma che non potremo mai realizzare. Non è così. Nessun massone, almeno, può pensarlo. È uno sviluppo naturale e normale dell’uomo, senza il quale la sua vita manca di simmetria ed è una cosa incompiuta e imperfetta. Chiamatela fede mistica, se volete, da essa traiamo la maggior parte dei nostri impulsi ideali, le nostre aspirazioni che trascendono il mondo solo sensibile e comprensibile. Da oltre noi stessi proviene quel raggio di luce bianca che può illuminare la pallida luce della luna in una luce del sole splendente, dare alla luce del sole una luminosità sette volte superiore, e glorificare tutte le cose comuni – come De Hooge lascia cadere la luce del sole sui rifiuti di un cortile sul retro e risveglia in noi un brivido di gioia e meraviglia.
Gli uomini devono cercare le altezze dell’essere, devono essere alti di anima così come ampi, se vogliono vedere la vita nel grande. L’altitudine della mente dà nuove proporzioni e prospettive, e mostra che molte cose di cui gli uomini sono abituati a fare molto sono insignificanti, e che altre cose, come una tazza d’acqua fresca offerta da un Fratello, sono di momento eterno. È quando aggiungiamo questa terza dimensione che vediamo che gli uomini, se misurati dall’Angelo in lui, sono incommensurabili. L’uomo è la misura di tutte le cose, diceva un saggio antico; ma l’uomo stesso, nella parte alta del suo essere, non può essere misurato. È come un’insenatura del mare. Guardando verso la terraferma, è limitata; guardando verso il mare, è legata all’infinito. “Penso che i pensieri di Dio dopo di lui”, disse Keplero, mentre guardava attraverso il suo vetro verso il cielo, il che è vero per tutto il pensiero umano alto, tutti i nobili viventi, tutte le aspirazioni che salgono verso l’alto. In verità, Colui che ci ha fatto ha posto l’eternità nei nostri cuori, e noi siamo inquieti finché non troviamo il nostro riposo nella riunione con la Sua volontà, nella quale è la nostra pace.
Cerchiamo, dunque, di unire la purezza, la pietà e la preghiera nella nostra vita, rivelando la lunghezza, l’ampiezza e l’altezza della vita. Inoltre, giudichiamo la vita e i nostri fratelli dall’Ideale dell’Angelo, in modo che, finalmente, quando siamo messi alla prova dalla misura dell’Angelo – cioè dall’Angelo della Morte – possiamo essere trovati ad aver raggiunto, in qualche misura, la misura della statura della vera virilità. E per quanto abbiamo fallito, per quanto abbiamo fallito, confidiamo nella misericordia di Dio che è senza misura e non conosce fine.

Perché l’amore di Dio è più ampio
che la misura della mente dell’uomo;
E il cuore dell’Eterno
è meravigliosamente gentile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code