Il ‘ricostruzionismo’ kemetico

Ci sono alcune tradizioni del Paganesimo moderno che seguono la struttura dell’antica religione egiziana.
Tipicamente queste tradizioni, a volte chiamate paganesimo Kemetico o ricostruzione Kemetica, seguono i principi base della spiritualità egiziana come onorare il Neteru o le divinità in modo di trovare un equilibrio tra i bisogni dell’uomo e il mondo naturale.
Il termine Neteru indica la molteplicità delle forze che permettono la vita; per semplificarvi il concetto immaginatevelo un po’ come il pantheon della tradizione greca.
Come molte altre culture antiche (Greci o Romani in primis), gli egiziani incorporavano credenze religiose nelle loro vite quotidiane, piuttosto che tenerle separate.
Vi riporto le parole di Richard Reidy (autore del libro Eternal Egypt: Ancient Rituals for the Modern World) (vi chiedo sempre scusa per alcune imprecisioni nella traduzione) che spiega molto bene cos’è il ‘ricostruzionismo’ kemetico e fa il punto anche sul movimento dall’alto della sua esperienza come ideologo e responsabile (credo della sede di Toronto) del ‘Kemetic Temple’.

—–

I ricostruzionisti hanno un grande rispetto per i riti originali dell’antico Egitto, ma non ci sentiamo obbligati di duplicarli in ogni dettaglio.
Ci rendiamo conto che non possiamo riprodurli perfettamente e con tutti i particolari perché i nostri raduni del tempio sono relativamente piccoli e non abbiamo una forma di sacerdozio a tempo pieno per fare i numerosi riti quotidiani compiuti nei tempi antichi.
Né abbiamo il lusso di veri e propri edifici del tempio, completi di un sacerdozio e dei servitori. Tuttavia, cerchiamo di utilizzare il maggior numero di azioni e comportamenti rituali possibili nel mondo moderno.
Nella nostra esperienza, il potere innato dei rituali attuati per oltre tremila anni nei templi dell’Egitto è una ragione sufficiente per attribuire un valore elevato alla preservazione e alla ripetizione di quei riti.
I ricostruzionisti sono pienamente consapevoli di essere cittadini del XXI secolo, provenienti da culture molto diverse da quelle dell’antico Egitto.
Non è nostro obiettivo abbandonare il nostro modo di pensare per un modo di pensare antico e per giunta immaginato.
Tale impresa non è né possibile né desiderabile.
Sappiamo, tuttavia, dalle nostre esperienze personali e di gruppo che gli dei trascendono i limiti di un determinato tempo o luogo.
Anche nell’antico Egitto gli uomini e le donne del 3000 aC avevano senza dubbio un modo più o meno diverso di vedere le cose di quanto non facessero gli abitanti tre millenni dopo.
Le dinastie si sono succedute, gli invasori sono passati, ci sono stati tempi di abbondanza e di carestia erano andati e venuti. I rituali si sono evoluti e modificati nel corso dei secoli.
Ma gli dei sopportarono; e gli dei resistono oggi.
I templi più antichi sono stati distrutti ma sappiamo, anche, che i rituali del tempio nazionale di Amun-Ra a Karnak sono serviti come una sorta di modello per rituali simili in altri templi.
Questo lo abbiamo dedotto dalle lunghe e dettagliate iscrizioni nei templi che sono rimaste più o meno intatte, come i templi di Philae, Dendera, Edfu, Esna e Kom Ombo e molti altri.
Pertanto, usiamo i rituali di Karnak e Abydos come una sorta di modello in modo che possiamo onorare i vari dei di cui i templi non esistono più.
Vogliamo che la nostra religione sia una religione vivente, non rigidamente vincolata dalla disponibilità o non disponibilità di fonti antiche.
È stato anche affermato che noi giochiamo a travestirci e che ci piace vestirci come gli antichi egizi in un modo piuttosto superficiale.
In realtà abbiamo delle vesti rituali o solo un set di vestiti puliti messi da parte per i rituali.
La maggior parte dei gruppi pagani e neopagani fanno lo stesso.
Avere indumenti speciali è un segno di rispetto per i nostri dei e per i riti sacri.
Da un punto di vista psicologico è facile vedere che indossare indumenti rituali non è dissimile dall’indossare un’uniforme speciale come il camice bianco da dottore o l’uniforme da vigile del fuoco o paramenti indossati da ministri e sacerdoti cristiani.
Se un membro del tempio sceglie di non indossare un abito di lino o di cotone, è un loro diritto.
Lui o lei è libera di indossare semplicemente abiti da strada puliti che sono stati messi da parte per il rituale.
Questo è fatto come un segno di rispetto per i nostri dei e ci aiuta a mettere da parte le preoccupazioni del giorno in modo che possiamo concentrarci sul culto.
È vero che diversamente da alcuni revivalisti non vogliamo introdurre pratiche da altri percorsi come la Wicca, il Voodoo o altre religioni afro-caraibiche.
Sulla base dei nostri studi riteniamo che i rituali dell’antico Egitto siano adeguati e completi, e non abbiano bisogno di importare pratiche o credenze da altre tradizioni.
Abbiamo diversi membri abili nel tradurre i geroglifici trovati nei testi antichi, ma ci avvaliamo anche di traduzioni accademiche disponibili su riviste e libri di eminenti egittologi.
Un leader di uno dei nostri templi affiliati ha studiato i geroglifici per oltre venti anni, producendo traduzioni degne di qualsiasi egittologo.
Abbiamo anche membri che traducono testi accademici dal tedesco e dal francese (noi italiani non produciamo effettivamente molto).
Ognuno di loro ha apportato contributi inestimabili alla nostra conoscenza.
Celebriamo i nostri rituali in inglese.
Inoltre, non crediamo che un faraone o re dei nostri giorni sia utile o necessario per celebrare i rituali o servire da “vivente-Horus”, come nei tempi antichi.
I nostri membri sono istruiti, ben informati e ognuno ha la stessa importanza nella gestione del tempio.
Ognuno dei nostri templi opera in modo indipendente, ma usa come risorsa comune i testi ricercati condivisi tra i templi.
Se una persona non è disponibile per un rituale, l’intero ‘edificio‘ non va in pezzi.
Nessuna singola persona è assolutamente essenziale per un incontro rituale.
Ciò è in accordo con la nostra convinzione che tutti i membri condividano equamente il servizio rituale dei nostri dei, non abbiamo bisogno di un faraone, non abbiamo bisogno di un sommo sacerdote.
Serviamo tutti gli dei allo stesso livello e non distribuiamo antichi titoli onorifici.
I templi nei tempi antichi erano governati da un consiglio sacerdotale, facciamo lo stesso oggi.
Se una nuova persona cerca l’ammissione dopo aver completato un corso di studi e incarichi, viene intervistato dall’intera appartenenza al tempio e viene raggiunta una decisione. Nessuna persona ha la massima autorità in questa materia. Crediamo che questa forma di governance sia appropriata per i tempi moderni.
Per quanto riguarda i tipi di offerte, la nostra guida è di offrire cibi e bevande che siano sani e naturali e non elaborati.
Tali articoli includono pane, birra, vino, latte, verdure, frutta, miele e date.
Offriamo anche fiori freschi. Non offriamo spuntini malsani o bibite.
Ciascuno degli alimenti offerti ha un significato mistico oltre ad essere naturale e sano. Questo significato mistico per ogni cibo offerto può essere visto nelle formule di offerta per vari tipi di cibo.
Amiamo i nostri dei e cerchiamo la comunione con loro nel culto privato e pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code