La cicoria

A volte per esercitare la magia esoterica basta realmente poco.
Non siamo più capaci (ed ormai questo lo stanno perdendo, purtroppo, anche i bambini) di sorprenderci anche per i piccoli avvenimenti quotidiani, di provare l’effetto ‘wow’ anche utilizzano cose semplici.
Chi esercita la stregoneria ha in se ancora questa dote e sa che anche quello che pare comune e scontato in realtà possiede delle qualità nascoste e dei piccoli segreti da scoprire.
È il caso di questa comune pianta che spesso portiamo in tavola come contorno: la cicoria.
La cicoria, Cichorium intybus , è una pianta molto comune appartenente alla famiglia dei denti di leone.
Di solito lo vediamo con fiori blu brillanti rallegrare sentieri e strade di campagna.
Tuttavia questa umile erba ha molte abilità curative e magiche ed è stata usata dai saggi fin dall’antico Egitto proprio per questo.
Da allora, la cicoria è stata utilizzata nell’antica Grecia e anche dai romani.
È interessante notare che la cicoria cicoria ha anche incantato i monaci cristiani, che la usavano come sostituto del caffè (ancora oggi si usa) già nell’anno 1.000.
La radice veniva pulita, sbucciata e arrostita nei forni.
Successivamente, la si tagliava a fette e fatta bollire con o senza caffè.
Viene ancora utilizzata nelle miscele di caffè poiché ne esalta il gusto.
Come abbiamo già detto, si ritiene che la cicoria possieda molte abilità curative.
Aiuta a digerire ed ha un delicato effetto lassativo.
Il suo sapore amaro è dato dalla presenza dell’acido cicorico che, insieme alla cicorina, rappresenta uno dei componenti principali di questa erba.
La Cicoria risulta, inoltre, molto ricca di vitamine (A, B, C, P e K) e oligoelementi come calcio, zinco, rame e potassio.
In esoterismo la cicoria è associata all’elemento aria ed al ‘pianeta’ (negli antichi grimori il sole era indicato come pianeta..nella pratica esoterica tutt’oggi viene definito tale) sole.
Secondo gli antichi libri di magia la cicoria è un erba dai poteri straordinari ma che, tuttavia, deve essere trattato in modo speciale per essere potente.
Per sbloccare i poteri di questa umile pianta la strega / stregone dovrebbe usare il potere del tre .
Tre chiavi magiche sbloccano la sua magia.
Una chiave è il tempo, una chiave è lo strumento e l’ultimo è l’atteggiamento.
Pertanto, la cicoria dovrebbe essere tagliata con un coltello d’oro poiché essa appartiene al sole ed il metallo del sole è l’oro, alla vigilia della mezza estate poiché questo è il giorno delle divinità e delle entità solari e nel silenzio totale per dimostrare ad esse che anche tu sei umile.
Se si riesce a fare questo la cicoria si ritiene che abbia l’ abilità di moltiplicare le cose.
Inoltre (sempre secondo gli antichi grimori) , la cicoria tagliata nel modo sopra descritto ha la possibilità di aprire le porta chiuse a chiave se posizionata vicino a loro.
Questo aspetto è molto interessante.
Le porte che devono essere aperte con il potere della cicoria non sono certo quelle delle abitazioni…
Infatti la cicoria messa a bruciare come se fosse incenso favorisce il contatto con le entità spirituali..sono queste le porte che essa ha la facoltà di aprire.
Questo fantastico potere è ancor più amplificato se ne si usano le radici.
Il fumo di cicoria è utilizzato per i rituali contro fattura e malocchio e dona visioni profetiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Next article

Gli angeli