Rituale per il bando delle energie negative

Molte volte, nella pratica della magia esoterica, c’è la necessità di smaltire e di liberarsi da energie negative che abbiamo accumulato o che qualcuno ci ha diretto contro.
Come più volte ho avuto modo di scrivere, l’esercizio della magia esoterica non è mai neutrale (anche se, a volte, l’impressione sembra suggerire il contrario.); questo implica che a ‘ogni azione corrisponde una reazione’ e quindi, in linea di massima, se userete, per ottenere il vostro obbiettivo, energie negative molto probabilmente correte il rischio che qualcosa vi torni indietro.
La protezione di se stessi (anche a livello psicologico, questo è importante sottolinearlo) e il riequilibrio delle energie personali sono fondamentali sopratutto se realizzate pratiche di separazione, ‘legamento’, vendetta, potere (a scapito di qualcuno)….
Recuperatevi, quindi, il seguente materiale

  • Tre candele bianche (in questo caso vanno benissimo anche quelle da tè)
  • Un contenitore ignifugo (un posacenere o un pentolino di rame, sono ottimi per lo scopo)
  • Una penna e un foglio di carta (basta anche un post-it)
  • Incenso purificante (in questo caso vi consiglio quelli a base di salvia e patchouli)
  • Un accendino
  • Un ripiano che possa farvi da supporto / altare

Questo piccolo rituale lo potete fare tutte le volte che ne avete bisogno; questo genere di rituali vengono definiti di ‘servizio’ e, in questo caso, andrebbe eseguito dopo che avete realizzato pratiche che contemplano, in qualche maniera, l’uso di energie negative.
Preparate (se non lo avete già allestito) con cura il vostro spazio di lavoro.
Posizionate le tre candele al centro, sulla destra posizionate il vostro contenitore ignifugo e sulla sinistra posizionate l’incenso.
Accendete le candele e l’incenso.
Ora mettetevi comodi e cercate di liberare un po’ la mente e di rilassare il corpo.
Cercate di ascoltare le energie che vi circondano, di cogliere qualche forma di malessere o di ‘stanchezza’ che non rientra nella vostra ‘normalità’.
Ora prendete il foglietto e cercate di esprimere con una parola o una frase eventuali stati fisici o d’animo da poter ricondurre a energie o ‘presenze’ disturbanti; altrimenti scrivette solo la parola negatività.
Prendete il foglietto e mettetelo nel contenitore ignifugo.
Se avete una forza spirituale di riferimento a cui siete soliti richiedere protezione è il momento di rivolgergli un pensiero.
Prendete la candela che delle tre è posizionata al centro e con la fiamma accendete il foglietto (fate attenzione).
Ora proferite queste parole (o simili):

“Brucia le intenzioni e le energie negative dirette contro di me,
Brucia così sarò libero / libera.
Nel fumo nelle fiamme, non vi sarà più il mio nome.
La cenere pulirà e spazzerà via, solo le buone intenzioni rimarranno “

Mentre il foglio brucia, visualizzate tutta l’energia negativa che brucia con esso e che se ne va con il fumo.
Una volta che la carta è completamente bruciata, spegnete le candele e l’incenso.
Gettate la cenere lontana da voi e dal vostro spazio di lavoro.
Le candele e l’incenso, se non totalmente consumati potete riutilizzarli per rifare questo rituale, prima di smaltirne i resti (potete gettarli tranquillamente nel residuo).
Rimane valido il consiglio di fare una doccia purificante dopo questo rituale (trovate qualche esempio nel blog).

Follow me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code

Articolo precedente

I primi passi nella magia.

Articolo successivo

Il “Malleus Malleficarum”