Preghiera all’ Arcangelo Sachiel per ottenere fortuna

Questa preghiera – invocazione all’Arcangelo Sachiel è un piccolo ma efficace rituale di magia bianca per ottenere fortuna.
É uno degli Arcangeli più invocati dall’antichità ai nostri giorni.
Rappresenta l’opulenza, la maestà, la ricchezza, il benessere fisico, il prestigio, il danaro.
Sachiel è molto generoso e non disdegna di aiutare gli umani nel raggiungimento del benessere.
Se nel destino di un uomo la ricchezza è ritenuta dannosa per la sua evoluzione spirituale, se la povertà è una prova che deve superare perché la ricchezza è vissuta male , non vi saranno suppliche né invocazioni che smuoveranno Sachiel o qualsiasi altro Angelo.
Nessuno, se non il diretto interessato, con la sua volontà, superando le prove che incontrerà sul suo cammino, potrà modificare il proprio destino.
Sachiel ed i suoi Angeli, sono gli attenti dispensatori dell’energia-danaro poiché il danaro, come il sangue, è una vera e propria linfa vitale.
La sua circolazione deve avvenire in modo equilibrato, come per tutti i fluidi all’interno del corpo umano, senza ristagni, senza carenze e senza emorragie. “il suo difficilissimo nome si pronuncia semplicemente “Sachiel”.
Oggi pochissimi conoscono la sua esistenza, ma molti lo confondono vagamente con la “Dea Bendata”.

Occorrente per il rito: 

  • Una candela azzurra Incenso a base di Cedro
  • Un nastrino di colore azzurro

In un giovedì di luna crescente, accendete la candela e bruciate un pizzico d’incenso.
Prendete il nastrino e fate sette nodi dicendo:

“ Ciascuno dei nodi contiene la fortuna che ho bisogno. 
Angelo Sachiel veglia su di essi e prenditene cura. 
 Cosi è cosi sarà” 

Lasciate il nastrino accanto alla candela finché non si consumi.
Buttate i residui in un corso d’acqua mentre il nastrino lo terrete con voi e quando avrete bisogno della fortuna, sciogliete i nodi ripetendo l’invocazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Previous article

Le campane tibetane

Next article

Il lato oscuro di Gesù