La kunzite

La kunzite è un cristallo di scoperta relativamente recente.
Infatti, venne trovata e catalogata per la prima volta nel 1902 in California dal minerologista G.F. Kunz (dalla quale prende il nome) il quale era anche capo gioielliere presso Tiffany & Co.
Tecnicamente la kunzite è una pietra dal sistema cristallino monoclino, appartenente alla famiglia dello spodumene.
Lo troviamo in commercio nei colori rosa e rosa violaceo.
Ha una vibrazione d’amore spirituale molto alta: risveglia la più alta coscienza del cuore. Simboleggia una pura espressione di gioia nei pensieri e nei sentimenti.
La kunzite è la pietra perfetta per chi ogni tanto non riesce proprio a resistere al mare delle emozioni.
Perde il controllo e non avvista il temporale in arrivo per tempo. Vive sul momento, non ama particolarmente fare i progetti per i periodi oltre la settimana e così si gode il presente, vivendo ogni emozione pienamente.
A livello cromoterapico è collegata al chakra del cuore, dal punto di vista della struttura cristallina al terzo occhio. Se da una parte quindi mantiene aperto il cuore, dall’altra fa si che vi sia un maggior intuito da parte del suo proprietario.
La kunzite ha diverse proprietà benefiche nell’ambito della cristalloterapia.
Può essere usata sia tenendola a contatto diretto con il corpo, magari come collana, sia mettendola sulla parte interessata nel caso di manifestazioni dolorose.
Vediamo, nei punti che seguonom a cosa serve dal punto di vista fisico, psichico e spirituale.

  • Benefici per il corpo. La kunzite viene utilizzata da diversi cristalloterapeuti perché sembra capace, dal punto di vista fisico, di alleviare disturbi che interessano il sistema nervoso. Più che altro quelli che partono proprio da qui, come le sciatiche e le nevralgie. Entrambe sono infatti il prodotto di nervi compressi. Non solo, anche se con molta cautela, viene usata nei trattamenti anche per coloro che soffrono di epilessia oppure quando la persona che si sottopone ha subito danni agli organi sensoriali. Probabilmente questi sono gli aspetti più importanti.
  • Benefici per la mente. Avete presente le persone che criticano sempre gli altri situazioni, gli eventi, le cose? La kunzite non serve ad eliminare questo aspetto caratteriale, ma a renderlo più costruttivo. Indirizza la critica verso l’uso corretto. Chi non ne è capace di critica invece, può usarla proprio per far prevalere questo aspetto caratteriale.
    La kunzite favorisce anche la riflessione, portandovi sia a valutare quelle che sono le vostre reali esigenze, sia quelle degli altri. E’ importante infatti non calpestare sentimenti e aspettative altrui ma piuttosto comprenderli e capire se esiste un punto d’incontro.Secondo alcuni è utile anche per contrastare gli stati depressivi. In pratica, è il ponte che collega l’intuito alla razionalità.
  • Benefici per lo spirito. A livello spirituale, come ho già detto, le sue vibrazioni hanno degli effetti eccezionali. La kunzite è collegata proprio con i piani alti del sistema energetico dei chakra. Vi apre alla dedizione e al sacrificio per le cause giuste, vi mantiene concentrati sugli obbiettivi. Usatela quindi, se, in questo periodo avete poca costanza ma le situazioni richiedono da voi il massimo sacrificio e impegno per riuscire a raggiungere determinati traguardi. Vi insegna ad accettare il volere degli altri quando è la cosa giusta da fare, non sempre ne sarete entusiasti ma dovrete apprendere questo insegnamento per vivere meglio.
  • Guarigione. Questa pietra posizionata sul chakra della corona, grazie al suo alto contenuto di litio, è consigliata per disturbi psicologici che coinvolgono depressione grave / maniacale.

Proprietà magiche: questo minerale è relativamente inesplorato per usi magici, data la sua moderna scoperta.
Cunningham suggerisce che è una pietra di centraggio / messa a terra e può anche essere utile per attirare l’amore.
Ricapitolando: tenete vicino la kunzite, sopratutto sul posto di lavoro, se avete bisogno di mantenere la massima concentrazione per raggiungere i vostri traguardi. Portatela con voi per evitare cali di attenzione, attimi di depressione e per limare alcuni aspetti caratteriali inerenti al vostro spirito critico.

Follow me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Articolo precedente

L’incantesimo dell’arcobaleno

Articolo successivo

La pozione del veggente