Incantesimo della rosa del desiderio

Questa pratica è parte della tradizione stregonesca e si trova descritta in molti grimori (anche antichi) proposta in diverse declinazioni.
È un incantesimo molto particolare e, nel suo modo di essere, molto ‘femminile’; mantiene intatto il fascino e la poesia di un modo molto tradizionale di intendere la magia.
Serve per attirare a se l’amore passionale e vero (l’incantesimo originale usa l’espressione ‘il vero amore’).
Recuperatevi il seguente materiale:

  • Una rosa rossa molto profumata e fresca
  • Due candele rosse
  • Un ripiano che possa farvi da supporto / altare
  • Fiammiferi di legno

La tradizione ci impone di realizzare questo incantesimo all’alba, mentre il sole sorge.
Preparate con cura il vostro spazio di lavoro e l’altare.
Assicuratevi che la rosa sia fresca e posizionatela al centro del vostro altare assieme alle candele; una candela su entrambi i lati del fiore.
Completate l’altare addobbandolo a vostro piacimento arricchendolo, se lo desiderate, con qualche cristallo o talismano.
Osservate il vostro altare, respirate profondamente e poi prendete la vostra rosa ed uscite all’aperto (vale anche il balcone).
Percepite il suo dolce profumo tenendola davanti a voi.
Concentratevi sulla rosa per alcuni istanti e dite queste parole (o simili):

“Fiore d’amore, lascia che sia,
quel vero amore sta venendo da me.
Lascia che sia fatto e che non danneggi nessuno.”

Rientrate nel vostro spazio di lavoro e adagiate nuovamente la rosa al centro dell’altare.
Accendete le candele e visualizzate il ‘vero amore’ che brucia nel cuore di chi desiderate.
Se non avete in mente nessuno che vi aggrada pensate a alle caratteristiche ideali di chi possa esservi compagno di amorevole cammino.
Lasciate che le candele si esauriscano da sole (mi raccomando, tenete presente sempre la sicurezza) e che la rosa perda la sua freschezza.
Una piccola postilla: il rituale originale suggerisce di fare tutto all’aperto in mezzo alla natura, delimitando lo spazio di lavoro tracciando un cerchio con pietre e fiori.
Quando la rosa comincia ad appassire potete raccoglierne i petali e metterli ad essiccare in un libro di poesie (o nel vostro personale diario / libro delle ombre).
In alternativa la rosa va seppellita in natura (nel vostro giardino, in un bosco…).
Il resto delle candele potete gettarlo nel secco residuo.

Follow me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Articolo precedente

La terapia della linea del tempo

Articolo successivo

Il quadrato del Sator