La magia della soglia

Le porte sono uno dei primi concetti che apprendiamo quando iniziamo a esplorare l’ambiente circostante da bambini.
In quei primi ricordi le porte sono passaggi magici che dividono interi mondi nelle nostre percezioni.
Attraversando una soglia raggiungiamo luoghi nuovi con ostacoli ed esperienze completamente diversi da incontrare e vivere.
Con l’avanzare dell’età, ci abituiamo sempre di più all’idea di stanze diverse e separazioni dello spazio.
Anche senza una vera porta che li separi definiamo gli spazi in base alla loro funzione e anche senza una barriera fisica tra di loro li riconosciamo come separati e distinti.
Ad esempio, si consideri la disposizione di un monolocale, la cucina, la sala da pranzo e il soggiorno sono funzionalmente un’unica stanza, eppure le persone si riuniscono in gruppi distinti in ogni sezione dello spazio, separandosi in “stanze” senza vere e proprie barriere tranne quelli immaginati dai presenti.
I romani avevano un dio, Giano, il cui intero dominio erano le porte, il passaggio tra spazi e intervalli di tempo; il nome del primo mese dell’anno è stato dedicato a Lui in quanto è il passaggio tra gli anni.
La transizione spaziale più istintiva è quella tra la propria casa e il mondo esterno.
La ‘santità’ territoriale della casa (intesa come pulizia sia dallo sporco che da ogni forza negativa) è un concetto spiritualmente potente.
La mitologia è piena di creature che non possono entrare nella casa di una persona senza il loro esplicito permesso e invito.
Dai vampiri, ai demoni, alle fate, tutto ha bisogno del permesso del proprietario della casa per entrare; quanti di voi si sono sentiti fortemente a disagio (e più deboli) entrando a casa di qualcun altro senza essere invitati?
Riassumendo, nella visione della stregoneria una soglia è una barriera spirituale tra noi e il mondo esterno oltre
Coloro che lo attraversano senza essere invitati lasciano dietro di sé molto del loro potere, tanto che alcune creature non possono sopravvivere all’esperienza.
Mentre le soglie rientrano in ciò che normalmente sarebbe considerato “passivo” dalla magia “classica”, ci sono modi per rafforzare consapevolmente, costruire o dirigere l’energia della tua soglia per proteggere meglio voi e la vostra famiglia.
Una soglia può essere rafforzata in diversi modi.
Il modo più semplice è quello di migliorare il proprio senso di casa, riempiendola di cose che sono unicamente vostre e che contengono sentimenti o significati personali; spendere del tempo per rendere la vostra casa confortevole e familiare potenzierà la vostra soglia.
Un altro metodo è attraverso l’interdizione attiva.
Le ghirlande erano una prima forma di incantesimo di protezione appese alle porte per scacciare gli spiriti maligni e le energie negative.
Caprifoglio, verruca di San Giovanni, sorbo, quercia, betulla e achillea appesi sopra, dentro o accanto alla porta aggiungeranno energie di purificazione e protezione; un chiodo di ferro conficcato nel telaio della porta combina il potere protettivo del ferro e gli aspetti tranquilli della runa Isa, a cui il chiodo assomiglia.
Ad alcune streghe / stregoni piace sigillare le loro case dipingendo pentacoli sopra le aperture principali, comprese porte e finestre, usando vernice , o preparati a base di olio / acqua benedetta; si usa , anche, mettere linee di sale o sabbia ‘potenziati’ con rituali di purificazione e benedizione lungo le porte e i davanzali.
Questo metodo ha l’inconveniente di essere facilmente disgregato fisicamente, sebbene sia noto che alcune operose streghe proteggano tali linee ponendole sotto le strisce metalliche che levigano il passaggio tra il telaio della porta e il pavimento.
Un altro metodo è appendere amuleti nel telaio della porta con simboli di protezione. Questi possono essere semplici come un pezzo di carta dipinto o elaborati come un ciondolo in argento fuso.

Esempio di simbolo di protezione Amish

Un altro esempio sono i segni di protezione Amish.
Un fiore a sei petali o una stella a 6  (o più) punte, rappresentano la conservazione e la continuità per la casa, un gallo rappresenta un guardiano vigile e un cerchio frastagliato rappresenta il potere della runa thurisaz di scacciare le energie malvagie e dirompenti.
Una soglia è una solida base per qualsiasi magia che ha lo scopo di proteggere la casa, o coinvolgere, in qualche modo, chiunque entri.
Tali incantesimi funzionano in base al principio della soglia la quale non rappresenta solo una barriera, ma anche un portale che deve essere attraversato.
L’uso più classico di questo tipo di magia è quello di difendersi da una particolare persona (magari pesantemente negativa) o da qualche tipo di entità.
Per fare questo si utilizzano materiali e oggetti noti per essere dannosi o odiosi a chi volete allontanare. Come è stato detto prima, posizionare queste cose dentro, sopra o vicino alla porta è un metodo efficace, ma questo può non essere sempre conveniente o pratico. In questo caso, usarli in un rituale per caricare un altro oggetto, come una pietra, un pezzo di legno o un ornamento che può essere attaccato in modo meno invadente è perfettamente accettabile.
Un altro uso è ‘piazzare’ incantesimi su coloro che entrano ed escono dalla porta.
Gli incantesimi per incoraggiare la salute, la prosperità, la pace e la gioia sono scelte comuni; per questi usi è meglio usare un oggetto o un materiale che è associato al risultato desiderato e posizionarlo dentro o sopra il telaio della porta.
Tradizionalmente, per esempio, i ferri di cavallo venivano appesi in questo modo per portare fortuna a chi entrava; in questi casi gli amuleti appesi alla porta possono essere utili, in particolare ,se le persone sono disposte a toccare o maneggiare gli oggetti mentre passano.
Un metodo leggermente più subdolo potrebbe essere quello di dipingere o incidere un incantesimo nella maniglia della porta, in modo che una persona deve entrarne in contatto per entrare, oppure potete costruire il vostro incantesimo per essere caricato e rinnovato dall’atto di usare il batacchio o il campanello, se è previsto per allontanare gli ospiti indesiderati o aiutare qualche ospite che vi sta a cuore.
La soglia, come ogni altra magia, può essere incanalata e diretta.
L’uso più comune sarebbe dirigere le protezioni della soglia per includere o escludere una persona in particolare, aiutando gli ospiti a sentirsi a proprio agio e “a casa” o facendo sentire un residente sgradito e vulnerabile nella propria casa.
Un altro mezzo per ‘deformare’ la soglia è avere oggetti che si possano portare all’esterno, portando con sé un po’ di casa e di protezione.
Questo può essere complicato; di solito richiede un certo grado di magia simpatica e taumaturgia (cioè l’uso di una piccola parte di una cosa per rappresentare l’intera cosa, come usare una scheggia dei mattoni del camino per rappresentare il focolare, o una scheggia di legno da uno stipite per rappresentare la porta stessa).
In genere questi ‘token’ sono monouso ma possono essere ‘ricaricati’ facendoli tornare parte della casa al ritorno della persona. Le piastrelle rimovibili da un mosaico del pavimento o una manopola distintiva degli armadietti funzionano bene per questo scopo, poiché sono piccole, uniche e facilmente rimontabili.

Follow me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Articolo precedente

I funghi

Articolo successivo

La Verbena