La pianta dei desideri

L’incantesimo che vi descrivo in questo articolo aiuta a mettere in movimento avvenimenti ed opportunità che vi permetteranno di realizzare qualche cosa che desiderate ardentemente (qualsiasi cosa).
È una pratica che fa parte della cosiddetta magia Verde, la quale basa i suoi fondamenti sulle meravigliose energie che ci possono donare erbe, piante e fiori.
Chi esercita questo tipo di magia ritiene che sia Flora ad offrire gli ingredienti magici più potenti.
Questo incanto si basa su una pianta originaria del Sud America, ma facilmente reperibile anche da noi, in Italia: la Physalis peruviana.
Da questa pianta si ricava l’ alchechengio peruviano o uciuva che si mangia sia da solo che sotto forma di conserva mediante sciroppo, nei preparati dolciari e assieme ad altri frutti dolci.
Questa pianta è anche chiamata ‘lanterna Cinese’ per via della forma delle sue foglie “pendenti”.
Se volete eseguire questo piccolo ma molto gratificante incantesimo recuperatevi questo materiale:

  • Sette foglie di Phisalis peruviana
  • Incenso a base di gelsomino
  • Due candele blu
  • Un ago da cucito
  • Alcune gocce di mandorle dolci
  • Fiammiferi di legno
  • Un ripiano che possa farvi da supporto / altare (basta, come al solito, una sgabello o un tavolino)

Questo incantesimo riceve le sue maggiori energie il lunedì durante il primo quarto di luna nelle ore serali (dopo le 20).
Preparate con attenzione il vostro spazio di lavoro e cercate di dedicarvi una mezz’ora interamente per voi, isolandovi dal mondo e evitando di essere disturbati.
Sul vostro altare posizionate al centro le candele blu, una accanto all’altra e sulla destra mettete il vostro incenso (potete anche utilizzare anche i comuni bastoncini).
Rilassatevi un attimo e pensate ai desideri che volete realizzare, poi accendete l’incenso e successivamente la candela posta a sinistra.
Mette accendete l’incenso e la candela recitate o cantate queste parole (o simili):

Rendo onore a te luna,
ascoltami ed esaudiscimi.
Ricevi attraverso queste lanterne
i miei desideri più cari.
Ascoltami ed esaudiscimi

Guardate un attimo la fiamma della candela bruciare e fate trasportare i vostri pensieri dal fumo profumato dell’incenso.
Quando vi sentite pronti prendete l’altra candela e con l’ago incideteci sopra la parola (o le parole) che riassume il vostro desiderio (potete tracciare, anche, un segno che ne ricordi il concetto / significato; ad esempio un cuore per amore).
Poi prendete alcune gocce di olio di mandorla ed ungete la candela partendo dal basso e andando verso l’alto.
Posizionate nuovamente la candela sull’altare e quando la fiamma è piena prendete nuovamente la candela con la mano abile e fate cadere una piccola goccia di cera al centro di ognuna delle sette foglie di Phisalis che avete preparato in precedenza.
Prendete le foglie e prima che la luna completi il suo ciclo gettatele in un corso d’acqua per fare in modo che idealmente portino a destinazione i vostri desideri.
Per ogni foglia che gettate dite ‘Così sia..’
Le candele vanno fate consumare interamente, sono la vostra offerta alla luna (fate, come sempre attenzione).

Follow me!

2 pensieri riguardo “La pianta dei desideri

  1. LuceDiLuna ha detto:

    Salve ho tre domande:
    Posso chiedere/desiderare anche la separazione del mio ex dalla/dal sua/o attuale compagna/o?
    Come devo smaltire i resti?
    L’incenso va bene a qualsiasi profumazione e tipologia?
    Interessantissimo blog 🙂

    1. Haimi Rem ha detto:

      Si, potete esprimere qualsiasi intenzione e desiderio.
      Le foglie vanno rilasciate in un corso d’acqua affinché possano portare i desideri a destinazione;
      le candele potete smaltirle allo stesso modo solo ed esclusivamente se sono completamente biodegradabili, altrimenti vanno gettate nel residuo.
      Per l’incenso, in questo caso, potete utilizzare qualsiasi fragranza desiderate.
      Grazie per i complimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Articolo precedente

Notizie dal Patreon

Articolo successivo

La Bilancia