La maledizione del limone

Il limone, con il suo profumo, la bellezza della sua zagara (il fiore), le sue qualità salutistiche e la sua particolare acidità, è da sempre uno degli elementi portanti della magia popolare dell’area mediterranea.
Su questo blog trovate già un rituale per riottenere le attenzioni di un vostro Ex, piuttosto efficace, che vede il limone come protagonista; oggi vi illustro come utilizzare questo agrume per inviare una potente esplosione di energia funesta a chi vi è avversario o nemico, portandogli sfortuna e crisi.
Gli esiti di questa pratica, secondo la tradizione, sono ad azione immediata ma nel contempo di breve durata….in poche parole costituisce quello che potrei definire ‘una botta e via’.
Se volete realizzare questo ‘esagono’ recuperatevi il seguente materiale:

  • Un limone
  • Un coltello
  • Un pezzo di carta e una penna nera o rossa.
  • Zenzero (potenzia ed accelera l’incantesimo)
  • Un peperoncino o del pepe nero
  • Un ripiano che possa farvi da supporto / altare.

Questa maledizione ‘della strega (o dello stregone)’ era spesso realizzata in cucina, cosa che vi consiglio anch’io di fare, se potete (essenzialmente per non imbrattare il vostro solito posto di lavoro).
Come tutti i rituali che derivano dalle tradizioni agresti e popolari non c’è bisogno di amplificare la pratica chiamando a se forze spirituali..bastano rabbia e convinzione.
Questo piccolo rituale non richiede giorni o lunazioni particolari…va fatto quando ne sentite l’impellente bisogno, magari approfittando delle energie della notte.
Vi assicuro che, a parte l’efficacia, questa pratica vi ‘manderà a stare meglio’ e a riposare molto più tranquilli se i rapporti con la vostra ‘vittima’ vi ossessionano.
Prima di tutto scrivete il nome del destinatario della vostro rituale su un foglietto utilizzando una penna nera o rossa; realizzerete quello che, in termine stregonesco, viene chiamato ‘taglock’
Ora appoggiatevi sul vostro ripiano e, utilizzando il coltello, tagliate a metà il limone.
Infilategli in mezzo alla polpa il foglietto, lo zenzero ed il peperoncino.
Ora chiudete le metà meglio che potete, ricomponendo il limone.
Ed ora sfogate tutta la vostra rabbia!!! Prendete il coltello e fate a pezzi completamente il limone…sminuzzatelo e trituratelo; potete esprimere epiteti a gran voce rivolti alla vostra ‘vittima’ o inveirci contro.
Lasciate che l’acido del limone esca e simboleggiando la vostra rabbia che si espande e colpisce.
Quando avete speso quasi tutte le vostre energie negative, fermatevi un attimo e respirate profondamente; ricomponetevi e recuperate la vostra tranquillità.
Potete chiudere il tutto rivolgendo un pensiero / preghiera alla vostra forza spirituale di riferimento.
Questo esercizio di canalizzazione dell’ira, potete farlo e ripeterlo tutte le volte che ne sentite la necessità; nonostante possa sembrare, in apparenza, di semplice realizzazione posso assicurarvi che è molto efficace e va dritto al segno.
Al termine pulite il tutto, buttando i resti nell’organico o in natura.

Follow me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Articolo precedente

L’elleboro

Articolo successivo

Rituale per il compleanno