Foath

Fohat è un termine tibetano che identifica l’aspetto energetico o di movimento dello Spirito Supremo. Di solito è considerato nel suo aspetto metafisico, che è piuttosto difficile da capire; quindi, accanto al metafisico, va inteso anche l’aspetto etico e pratico-applicativo.
Ogni forma di vita è costituita da un certo grado di materia che esprime un certo grado di intelligenza o coscienza, e l’anello di congiunzione tra i due è la forza vitale del Fohat che collega spirito e materia, soggetto a oggetto, come spiegato nella Prima Proposizione Fondamentale della Dottrina Segreta.
È il “ponte” attraverso il quale il Pensiero Eterno nella Mente Eterna è oggettivato come Natura universale.
Il processo è dall’interno all’esterno.
L’energia assopita si risveglia e avviene una graduale trasformazione dallo spirituale all’etereo, al ‘semi-etereo’, fino all’esistenza di forme grossolane di materia.
La materia primordiale è informe e incolore. È Fohat che traduce o meglio trasforma le idee archetipiche universali in varie forme a vari livelli e diventa la forza guida.
Le leggi della natura esistono a causa dell’impressione delle idee divine sulla sostanza divina. È interessante notare che alcuni pensatori, inconsciamente a se stessi, hanno ammesso l’esistenza della forza propulsiva della manifestazione.
Fohat è il potere costruttivo che provoca la formazione dei sistemi planetari, delle catene terrestri, della natura e dell’uomo. Nel secondo verso della Quinta Stanza del Libro di Dzyan si afferma: “Fohat è il destriero e il pensiero è il cavaliere”
Non solo serve, come il destriero, come mezzo di trasporto da un luogo all’altro, da un piano all’altro, ma ha anche il potere di cambiare e trasformare ciò che era soggettivo in oggettivo, ciò che era noumenico in il fenomenale.
Così, un’immagine ideale nella mente dell’uomo può essere riprodotta come una forma concreta.
Questo può essere compreso prendendo una semplice illustrazione: quella di un vasaio e del suo personale vaso.
Potrebbe avere un’immagine o immagini di vari tipi di vaso nella sua mente.
Può avere davanti a sé l’argilla, l’acqua e tutti gli ingredienti necessari, ma a meno che e fino a quando non lo vorrà per usare la propria energia e con le sue mani plasmare e modellare l’argilla secondo l’immagine formata nella sua mente, non ci sarà la formazione oggettiva di un vaso di terracotta. Questa illustrazione dovrebbe consentire allo studente di avere una comprensione più chiara di cos’è Fohat e di come funziona nei vari stadi dell’evoluzione.
La Volontà dell’uomo è un aspetto di Fohat nel regno umano, sul piano della mente; l’uso da parte del vasaio della forza energetica per creare un vaso con le proprie mani e farne una realtà oggettiva è un altro aspetto della forza vitale su un altro piano.
In Natura, il principio del Fohat funziona tutto il tempo.
È in atto una continua trasformazione delle forme da uno stato all’altro. Cosa trasforma l’acqua in ghiaccio o vapore, i suoi due aspetti opposti? Caldo e freddo, radicati in Fohat, l’energia dell’Unica Vita. Che cosa fa sì che il vapore si raccolga in nuvole nel cielo, e le nuvole diventino pioggia, e la pioggia per fruttificare i semi sotto terra e far crescere piante e alberi, fiori e frutti, in tutte le loro forme mutevoli? L’aspetto del movimento della Vita Divina.
Il movimento vince il freddo, il riposo vince il caldo. Quando il corpo è freddo, la mente è passiva, le mani inattive, allora è necessario il movimento su tutti i piani. Quando il corpo è irrequieto, quando il calore della rabbia infuria nella mente e nel cuore, diventa necessario un cambiamento di polarità per portare calma e quiete,
Nel Glossario Teosofico Fohat è definito come Daiviprakriti, Luce Primordiale, l’essenza dell’Elettricità Cosmica, e nell’universo manifestato è “l’energia elettrica sempre presente e l’incessante potere distruttivo e formativo”.
Questo indica come da un’unica omogenea sostanza-principio ha luogo la differenziazione e forme di vita sempre più grossolane si manifestano attraverso la scala dei sette mondi o piani. È la stessa forza vitale che crea e distrugge, per ricreare ancora una volta.
Fohat è “la forza vitale propulsiva universale, allo stesso tempo l’elica e la risultante”. Attrazione e repulsione, levitazione e gravitazione, sono tutte causate da questa forza propulsiva universale.
Cosa unisce atomi e molecole, cosa li separa?
Le opposte forze di coesione e di dispersione scaturiscono entrambe da Fohat. Cosa se non l’energia dinamica della vita trasforma un germe in un feto nel grembo materno, e poi in un bambino che diventa un uomo o una donna? Cosa provoca la vecchiaia, il decadimento e la morte? L’aspetto distruttivo di quella stessa forza energetica. Cosa porta quotidianamente il corpo dalla veglia allo stato di sonno e dal sonno allo stato di veglia? Lo squilibrio causato dall’impatto dell’energia vitale universale sull’energia individuale. Quando l’equilibrio viene ripristinato, sveglia l’individuo per un’altra giornata di lavoro. Quindi tutta la crescita e l’espansione, tutto il decadimento e la distruzione, il gioco di forze opposte attraverso un cambiamento di polarità, sono determinati dall’uno o dall’altro aspetto di Fohat, il grande Trasformatore
Così, naturalmente, la vita è vista come un dramma, una danza o una canzone, in cui ci si aspetta che ogni essere reciti la sua parte, balli o canti in sintonia con l’Infinito. Questo può essere fatto solo attraverso una chiara comprensione della Divinità nel suo triplice aspetto di Creatore-Preservatore-Distruttore, o Spirito-Materia con l’anello di congiunzione di Fohat.
Gli esseri umani dissipano la loro energia in mille modi, attraverso le vie del pensiero-parola-azione, perché sono legati da cento corde di desiderio. Pertanto la lezione pratica è quella di conservare la propria energia per il più alto lavoro sul piano fisico, mentale, morale e spirituale e, invece di seguire gli impulsi dall’esterno, seguire i giusti principi e agire dall’interno. Krishna definisce lo Yoga come l’equanimità della mente e l’abilità nell’esecuzione dell’azione. Questo può essere raggiunto solo attraverso la vigilanza costante e l’autocontrollo.
La via si snoda in salita fino in fondo, dalla valle della palude alle vette della gloriosa luce nirvanica, ed è necessario usare la propria energia nella coltivazione delle virtù. Questo trasformerà l’uomo in un dio, consentendogli non solo di godere della pace e della beatitudine nirvaniche, ma anche di usare la sua energia su tutti i piani per elevare i suoi compagni pellegrini e alleviare le loro sofferenze. Così, spingere la vita ‘dall’immanifestato’ alla manifestazione, dall’atomo
all’uomo e dall’uomo a dio, è opera di Fohat, il grande Trasformatore, prima attraverso l’impulso naturale e poi attraverso lo sforzo autocosciente dell’uomo.
Nell’ ‘insegnamento esoterico, FOHAT è simboleggiato dal martello della creazione di Thor, il sólarhvél .La svastica cerchiata che rappresenta il principio fohatico, o elettricità primordiale, attraversa tutti i principi, gli elementi e le forze.Tutto questo è connesso all’insegnamento di un elemento-composto proteiforme di sostanza-spirito o materia-spirito, l’aggregato di tutte le forze elettrodinamiche e creative nell’Universo a volte chiamato Svābhāvat. Spirito e materia non sono che differenziazioni dei suoi stati.
Questo insegnamento dell’esistenza di un unico elemento proteiforme, non nato, eterno e immutabile appare diverso dalla postulazione che la realtà ultima sia il vuoto (Śūnyatā).
La crux dissimulata , o il Tau nascosto è la svastica, sopravvissuta sotto forma di mazza.È il martelletto del giudice moderno, in cui si ricorda l’onnipresenza dell’ODIN che dispensa giustizia e DIRITTO .Era un simbolo significativo per i popoli germanici, fin dall’età del bronzo e del ferro, e per il mondo indoeuropeo, e anche in Asia. In proto-germanico, Thor, o Þunraz , significa “tuono”. Thor era l’ideale a cui aspirava ogni guerriero umano, e il Thor della mitologia norrena e dell’era vichinga è molto più interessante della rappresentazione comica di Thor .
Fohat è descritto come: l’ unica Forza, la Forza unificata , la Forza cosmica, l’elettricità cosmica e l’energia radiante che muove e muove ogni cosa.
È il personaggio più vitale della mitologia e della cosmogonia. È anche descritta come la luce del Logos (Sk. Sabda-Brahman ), o devī prakṛti ( daivī prakṛti o luce primordiale) in sanscrito, e rappresenta la potenza attiva di śakti (“energia” o “potere”) in Natura; o il “potere dinamico” che produce la differenziazione della materia cosmica primordiale per formare i diversi piani .
Il sanscrito daivī prakṛti ci dà una migliore comprensione di fohat, poiché daivī prakṛti tende a descrivere tre elementi principali: il sé interiore , la sostanza radice (energia cosmica), e ciò che collega i due poli di spirito e materia, la negazione .
Questa energia che produce le differenziazioni e le trasformazioni (o correlazioni di forze) è l’elettricità cosmica, l’energia elettrica-ardente, la Forza Vitale propulsiva cosmica.
Fohat è il potere guida di tutta la manifestazione, il misterioso legame che unisce energia e materia, e l’energia elettrica dinamica nel mondo fenomenico, che riunisce gli “atomi elementari”.
Corre lungo la sostanza del mondo, mettendo in moto la legge dell’Evoluzione Cosmica sui suoi piani. È il Potere elettrico dell’affinità e della simpatia, energia distruttiva e costruttiva, il Dio greco primordiale (Érōs) in questo senso, e quindi l’Anima della Natura. Non solo lega tutte le cose, ma è il potere costruttivo nella formazione di tutte le cose, realizzando quindi l’impulso dell’Evoluzione.
La ruota solare, o svastica, è quindi un simbolo in generale della più ampia evoluzione cosmica. Descrivendo il suo suono, ” Fohat sibila mentre scivola qua e là (zigzag).”
I poteri di questo principio sono sette numerati e i sette sono le personificazioni di sette forme di magnetismo cosmico. I loro radicali cooperativi e attivi sono indicati, insieme ad a
ltre energie, come Elettricità ( Đunor ), Magnetismo, Suono , Luce, Calore, Coesione e così via.
Fohat è legato ai fenomeni dell’Aurora Boreale e dell’Aurora Australis, dell’Equatore, dell’Eclittica e dei climi dei due Tropici (del Cancro e del Capricorno) e degli emisferi settentrionale e meridionale. Il Polo Nord e il Polo Sud sono considerati i magazzini della Vitalità Cosmica e terrestre (Elettricità e Magnetismo) sul nostro pianeta.
I panteisti più filosofici e trascendentali hanno insegnato, spiega Blavatsky, che questo principio è rimasto in tutte le cose , pervadendo ogni atomo, dando loro impulso e animazione. Lo scrittore francese Eliphas Levi dichiarò che il segreto del Grande ARCANUM (i MISTERI ) era padroneggiare la conoscenza di questa forza . “È interessante notare che la scienza moderna è giunta alla conclusione che tutta la cerebrazione e l’attività cerebrale sono assistite da fenomeni elettrici”, afferma HPB, collegandolo a condizioni di coscienza e illuminazione.
Tantissimi sono i suoi significati!
Nell’opera Macrocosmica , il ” Martello della Creazione “, con le sue quattro braccia piegate ad angolo retto, si riferisce al continuo movimento e rivoluzione dell’invisibile Cosmo delle Forze. In quello del Cosmo manifestato e della nostra Terra, indica la rotazione nei cicli del Tempo degli assi del mondo e delle loro cinture equatoriali; le due linee che formano la Svastica 卐 significano Spirito e Materia, i quattro uncini suggeriscono il moto nei cicli di rivoluzione. Applicato al Microcosmo , l’Uomo, lo mostra come un anello di congiunzione tra il cielo e la Terra: la mano destra è sollevata all’estremità di un braccio orizzontale, la sinistra puntata verso la Terra .
Nel ‘Smaragdine Tablet di Hermes ‘, la mano destra sollevata è incisa con la parola ” Risolvi “, la sinistra con la parola ” Coagula”. È allo stesso tempo un segno alchemico, cosmogonico, antropologico e magico, con sette chiavi del suo significato interiore .
Non è troppo dire che il simbolismo composto di questo segno universale e più suggestivo contiene la chiave dei sette grandi misteri del Cosmo. Nato nelle concezioni mistiche dei primi ariani, e da loro posto proprio sulla soglia dell’eternità, sul capo del serpente Ananta, trovò la sua morte spirituale nelle interpretazioni scolastiche degli ‘antropomorfisti’ medievali.
È l’ Alfa e l’ Omega della Forza creativa universale, evolvendosi dal puro Spirito e terminando nella materia grossolana. È anche la chiave del ciclo della Scienza, divina e umana; e colui che ne comprende il pieno significato è per sempre liberato dalle fatiche di Mahamaya , la grande illusione e ingannatrice. La luce che brilla da sotto il martello divino, ora degradato nella mazza o nel martelletto dei Gran Maestri delle Logge massoniche, è sufficiente a dissipare l’oscurità di qualsiasi schema o finzione umana.
Quanto sono profetiche le canzoni delle tre dee norrene, alle quali i corvi di Odino sussurrano del passato e del futuro, mentre svolazzano nella loro dimora di cristallo sotto il fiume che scorre. I canti sono tutti trascritti nei “ Rotoli della Sapienza”, di cui molti sono perduti ma alcuni restano ancora: e ripetono in poetica allegoria gli insegnamenti delle età arcaiche. Per riassumere da “Asgard e gli Dei” del Dr. Wagner, il “rinnovamento del mondo”, che è una profezia sulla settima Razza della nostra Ronda raccontata al passato.

Follow me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code