L’alternativa olistica alla medicina tradizionale: l’omeopatia.

Sebbene l’attuale pratica medica riconosca l’esistenza di connessioni tra condizioni mentali, emotive e fisiche, l’approccio dominante è quello di scomporre il tutto in parti con etichette diagnostiche separate.
Vengono quindi prescritti farmaci diversi per ciascun sintomo apparentemente non correlato.
La maggior parte dei medicinali ha effetti collaterali che si aggiungono ai problemi del paziente e per contrastare questi effetti collaterali può essere somministrato un nuovo set di farmaci.
Quindi la sofferenza del soggetto malato alla fine non è affatto diminuita, ma è effettivamente aumentata.
Quando una persona viene trattata nel suo insieme, i sintomi che presentano in diverse parti il corpo sarà naturalmente guarito perché la loro salute generale è stata affrontata, vale a dire i loro sintomi mentali, emotivi e fisici sono stati tutti presi in considerazione e trattati dall’omeopata.
L’omeopatia è un sistema di assistenza sanitaria naturale che è in uso in tutto il mondo da oltre 200 anni e tratta ogni persona come un individuo unico con l’obiettivo di stimolare la propria capacità di guarigione.
È riconosciuta dall’Organizzazione mondiale della sanità come il secondo più grande sistema terapeutico in uso nel mondo ed è molto popolare in India e in Sud America ma oltre trenta milioni di persone in Europa e milioni di altre persone in tutto il mondo, ne traggono beneficio.
Il nome omeopatia, coniato dal suo ideatore, Samuel Hahnemann, deriva dalle parole greche per “sofferenza simile” riferendosi al principio di guarigione “simili a cure simili”.
Hahnemann è nato in Germania duecentocinquanta anni fa, ed a quel tempo la vecchia visione del mondo era in fase di rinnovamento e le credenze tradizionali, molte fragili basate sulla superstizione, erano sempre più soggette al rigore del controllo e della valutazione sperimentali.
La pratica dell’omeopatia si basa sulla scienza mentre la sua applicazione è un’arte.
Il suo fondamento si basa su due principi che si sono verificati regolarmente nella storia della medicina, sia nel mondo orientale che in quello occidentale.
Un omeopata seleziona la medicina più appropriata in base ai sintomi specifici dell’individuo e al livello di salute personale.
Il primo principio di “cure simili come” può essere considerato in diversi modi.
Un modo è supporre che il corpo sappia cosa sta facendo e che i sintomi siano il modo in cui il corpo agisce per superare la malattia.
Questa risposta di guarigione è automatica negli organismi viventi; lo chiamiamo la risposta vitale. La medicina simile agisce come uno stimolo alla naturale risposta vitale, dandogli le informazioni di cui ha bisogno per completare il suo lavoro di guarigione.
Poiché l’azione iniziale della risposta vitale più la medicina è di aumentare la forza dei sintomi, questa è la nostra prima indicazione della guarigione interna in atto, delle malattie curate dall’interno – spinte verso l’esterno lungo le rotte stabilite dei sintomi passati e presenti.
Prima che le medicine vengano decise, i loro poteri curativi vengono scoperti testandoli su soggetti umani sani e notando attentamente i cambiamenti emotivi, mentali e fisici.
Questo è definito con un termine inglese: “proving”.
Questa informazione costituisce la base per “cure simili come”, poiché il quadro sintomatico unico di un medicinale deve corrispondere all’espressione unica dell’individuo della propria malattia, cioè ai sintomi attuali e persistenti della malattia.
Il secondo principio, secondo cui solo la “dose minima” dovrebbe essere impiegata si basa sulla comprensione che lo stimolo del medicinale agisce dall’interno della vitalità, non è imposto dall’esterno ma è somministrato solo per iniziare il processo di guarigione, che poi prosegue, guidato dalla propria ‘missione’ di guarigione interna.
I medicinali omeopatici sono somministrati in dosi minime, mentre stimolano la risposta vitale del corpo, non producono gli effetti collaterali grossolani che sono così spesso la caduta del trattamento convenzionale.
Il trattamento omeopatico funziona con i poteri curativi del corpo per portare salute e benessere.
L’omeopatia tratta tutti i sintomi del malessere a tutti i livelli dell’essere – spirituale, emotivo, mentale e fisico e trova per loro la “cura simile”.
Tratta il soggetto / paziente come un individuo, non come una raccolta di etichette di malattie.
Gli omeopati usano medicinali appositamente preparati e potenziati da cui sono stati rimossi gli effetti tossici e guardano al quadro generale: tutti i sintomi del paziente sono raggruppati e compresi per rappresentare l’intera malattia e quando eseguono una valutazione individuale guardano alla salute degli antenati, ai problemi familiari, al concepimento e alla gestazione, alla nascita e all’infanzia, osservando sempre i modi in cui il paziente manifesta unicità.
La vita lavorativa e familiare, gli hobby e le vacanze, le relazioni, le risposte alle sfide della vita e tutto ciò che denota l’individualità sono usati per aggiungere al quadro della salute e la sua scomposizione in malattia.
Uno dei motivi per cui l’omeopatia è oggi il secondo più grande sistema di medicina al mondo, oltre a portare benefici per la salute senza effetti collaterali o pericoli inerenti ai principali interventi, è che offre questo approccio olistico alla salute e alla guarigione.
L’olismo implica che le parti di un sistema si relazionano in modo interattivo; che corpo, mente e spirito sono tutti aspetti di un intero essere e che tutti gli individui sono coinvolti in una rete di interrelazioni con il mondo, i suoi componenti minerali, vegetali e animali.
A proposito di ciò, gli agenti curativi usati nell’omeopatia derivano da fonti minerali, vegetali e animali e sono usati secondo il principio di simili cure come.
Platone scrisse quasi 2.400 anni fa:

“Poiché non dovresti tentare di curare gli occhi senza la testa, o la testa senza il corpo, quindi non dovresti nemmeno tentare di curare il corpo senza l’anima; e questo è il motivo per cui la cura di molte malattie non è nota ai medici della Grecia, perché la parte non può mai stare bene a meno che il tutto non stia bene. ”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code