Il lavoro con le ombre.

Circa un anno fa ho pubblicato su questo blog un articolo, passato un po’ in sordina, (lo trovate seguendo questo link) che parlava, appunto, del lato oscuro con cui ognuno di noi deve fare i conti.
Riprendo l’argomento, in questo breve articolo, perché se vogliamo esercitare con successo e soddisfazione la magia esoterica, la cosa assolutamente fondamentale, come più volte ho detto, è quella di avere le energie ed i sentimenti personali perfettamente in equilibrio.
Gli insegnamenti dei movimenti neo-pagani che confluiscono nella religione Wicca sono, in questo caso, molto illuminanti.
Ma cosa intendiamo, in questo contesto, con il termine ombre?
L’ombra è il lato di noi che ci impedisce di arrivare alla consapevolezza e al raggiungimento del nostro sé superiore.
Sono tutti quei sentimenti d’invidia, avidità, orgoglio, paura, odio ecc. che albergano in noi stessi; sono stati d’animo potenti e primitivi che distraggono i nostri pensieri e ci allontanano dalla concentrazione e dalla visione dei nostri veri ed intimi obbiettivi.
Tutti i noi siamo abitati da ombre spirituali causate, magari, da traumi passati, dallo stress, dalla pressione della vita quotidiana finanche dal disprezzo o dall’odio rivolti verso il proprio sé.
Il concetto di ‘lavoro con le ombre’ è un concetto base di cui tenere bene conto prima di procedere all’esercizio dell’antica arte.
Il lavoro con le ombre, semplificando, consiste nel guardarsi dentro per bilanciare il proprio io interiore.
Quando si è ‘squilibrati’ non i può parlare correttamente con gli spiriti o gli dei perché non si concentrati e la nostra energia non è sincronizzata e focalizzata sugli obbiettivi che vogliamo raggiungere; se ci pensiamo bene questo avviene anche fuori dal contesto della magia esoterica.
Molte volte falliamo obbiettivi solo perché ci maceriamo di sentimenti che non riusciamo a risolvere dentro noi stessi o perché non abbiamo fiducia nei nostri mezzi e nelle nostre possibilità (ci sottostimiamo, non ci vogliamo bene).
Vi rendete conto, quindi, come sia importante arrivare alle radici delle nostre ‘ombre’ e fare pace con esse.
Dobbiamo assolutamente accettare quei lati di noi stessi di cui ci vergogniamo, controllarli e lasciarli andare in un modo che non possano sopraffare il nostro spirito e il nostro sé esteriore.
Una volta che avremo il controllo dell’Ombra, solo allora potremo raggiungere la pace interiore e dedicarci ai nostri obbiettivi con serenità, consci che avremmo sicuramente successo.
In conclusione vi do tre spunti – consigli di come potete lavorare con le vostre ombre traendone con profitto energie e controllo su voi stessi; la pratica di ‘lavorare’ su e con le vostre ombre vi darà una grande consapevolezza nei vostri mezzi, donandovi una marcia in più anche nella vostra vita quotidiana.

  • Prendetevi del tempo tutto per voi (isolatevi un po’ dal mondo) per meditare e riflettere su voi stessi. Regalatevi un posto tranquillo dove sedervi e ‘lavorare’ sui traumi passati o sui blocchi emotivi.
  • Cercate di immergervi il più possibile nella natura. Immergersi nella natura è il modo più semplice per connettersi con il vostro spirito interiore perché siete vicino agli dei e agli spiriti. La natura è il luogo da dove veniamo.
  • Affrontate con coraggio e di petto i vostri problemi. Cercate di lasciar perdere le relazioni ‘tossiche, che non vi fanno stare bene, abbiate il coraggio di cercarvi un’occupazione lavorativa più soddisfacentissime se quella attuale e fonte di malessere e Stress. Affrontare problemi o blocchi mentali è il modo più difficile ma necessario per lavorare con le vostre ombre. Le negatività nell’ambiente nel quale siete inquinano il vostro spirito.

“Possa l’oscurità essere rivelata, così io posso guarire”

Follow me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Articolo precedente

Il nodo di Salomone

Articolo successivo

La magia delle ghiande