Il significato simbolico dell’ape

Il simbolismo delle api è prevalente nella Bibbia, nel Corano, nelle scritture vediche indù e anche nel simbolismo massonico.
Perché? Qual è il significato?
Come sappiamo, le api e gli impollinatori e in generale sono essenziali per la nostra sopravvivenza sulla Terra. Le api trasportano il polline da un fiore all’altro e aiutano a sostenere la crescita e la vita di molti tipi di piante. Il miele e il miele che producono è medicinale e pieno di nutrimento e può essere utilizzato per una varietà di scopi utili.
La loro sopravvivenza è fondamentale, ma stanno morendo a causa dei cambiamenti climatici e di altre distruzioni ambientali. Fortunatamente, alcune persone stanno rispondendo al loro numero ridotto, piantando più piante e fiori autoctoni e creando giardini impollinatori nella speranza di attirare api e altri impollinatori e aiutare a sostenere la loro sopravvivenza.
È chiaro che le api sono molto importanti per la nostra sopravvivenza, ma perché sono presenti sia nel simbolismo della Bibbia che nella Massoneria?
Le api sono menzionate nella Bibbia numerose volte; in Deuteronomio 1:44, Giudici 14: 8, Salmo 118: 12 e Isaia 7:18.
Sono citate per la loro forza numerica e per il loro miele salutare e consumato per il suo sapore e dolcezza.
Nella Massoneria, l’alveare è uno dei simboli che è presente sulle tavole dei tracciati ed in varie altre immagini e rituali.
L’interpretazione del simbolo exoterico è che le api e l’alveare rappresentano l’industria e l’intraprendenza.
Ogni fratello ha il compito di essere industrioso in tutte le sue imprese e di essere un gran lavoratore.
Evoca anche l’idea di comunità e di lavorare insieme.
Come al solito, però, l’essoterico (cioè il palese) in Massoneria è sempre accompagnato da un significato esoterico.
Qual è il significato più profondo delle api, dell’alveare e del miele?
Guardando al lavoro regolamentato di questi insetti quando sono riuniti nel loro alveare, non sorprende che un alveare avrebbe dovuto essere considerato un emblema appropriato di un’industria sistematizzata.
La Massoneria ha quindi adottato l’alveare come simbolo dell’industria, una virtù insegnata nel istruzioni, in cui si dice che un maestro massone ‘lavora per ricevere un salario, per mantenere meglio se stesso e la famiglia, e contribuire al sollievo di un degno fratello angosciato, della sua vedova e degli orfani …’.
L’arca è già stata mostrata essere stato un emblema comune alla Massoneria e agli Antichi Misteri, come simbolo di rigenerazione, della seconda nascita dalla morte alla vita. Ora, nei ‘misteri e i riti eleusini’ di Dudley Wright , un alveare era un tipo di arca. “Quindi”, dice Faber ( Origine dell’idolatria pagana,volume II), “sia la sacerdotessa diluviana che le anime rigenerate erano chiamate api; per cui, si fingeva che le api fossero prodotte dalla carcassa di una mucca, che simboleggiava anche l’arca; di conseguenza, poiché il grande padre era pensato come un dio infernale, il miele era molto usato sia nei riti funebri che nei Misteri.”
L’alveare è un emblema dell’industria e raccomanda la pratica di quella virtù di tutti gli esseri creati, dal più alto serafino in cielo, al più basso rettile della polvere.
Ci insegna che dovremmo sempre essere industriosi; non sederci mai contenti mentre i nostri simili intorno a noi sono nel bisogno, quando è in nostro potere alleviarli, senza inconvenienti per noi stessi.
Quando esaminiamo la natura, vediamo l’uomo, nella sua infanzia, più indifeso e indigente della brutale creazione: giace languente per giorni, mesi e anni, totalmente incapace di provvedere al proprio sostentamento e alla propria protezione.
Avrebbe potuto piacere al Grande Creatore del cielo e della terra aver reso l’uomo indipendente da tutti gli altri esseri; ma, poiché la dipendenza è uno dei legami più forti della società, l’umanità è stata resa dipendente l’una dall’altra per la protezione e la sicurezza, poiché in tal modo gode di migliori opportunità per adempiere ai doveri dell’amore e dell’amicizia reciproci.
Così l’uomo fu formato per la vita sociale e attiva, la parte più nobile dell’opera di Dio.
La Geometria Sacra, che è al centro della creazione, può essere trovata ovunque in natura. Tra tutte le forme geometriche e le forme rappresentate dalle piante, l’esagono è uno dei più diffusi. I favi sono costituiti da camere esagonali in cui le api depositano il loro miele per l’ape regina.
L’esagono è strutturalmente solido ed è molto utilizzato nelle decorazioni (vetrate e pavimentazioni) e nelle costruzioni di strutture sacre come chiese e cattedrali; rappresenta un elemento architettonico molto caro alla tradizione massonica.

Follow me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code